venerdì 19 dicembre 2008

CANOTTIERI LECCO E JOE FLY – ITALIA TRA GLI SFIDANTI ALLA 33ª AMERICA’S



in alto Giovanni Maspero in basso Marco Cariboni


LECCO 9 dicembre 2008 - C’è anche il Consorzio Joe Fly Italia con i colori della Società Canottieri Lecco nell’elenco degli iscritti per la conquista della 33ª edizione dell’America’s Cup in programma nel 2010. In tutto l’AC Management ha accettato una lista di 19 team, non ancora definitiva, di cui ben 6 sono italiani. Una notizia accolta con grande soddisfazione e che apre così nuovi scenari sia per Joe Fly Italia che per la Società Canottieri Lecco, ora in lizza da sfidanti per la preziosa e prestigiosa “brocca d’argento”.

Emozione e gioia per Giovanni Maspero armatore di Joe Fly Italia: “Non nascondo che in questo momento è la felicità il primo sentimento ricorrente. Tuttavia, come abbiamo più volte sottolineato, questo è l’inizio di un sogno che deve ancora tramutarsi in realtà. Noi metteremo in campo il nostro impegno e la grande passione per la vela, ma la strada è in salita e ci aspetteranno, da qui in poi, mesi di duro e impegnativo lavoro. Ora la prima vera sfida non sarà sull’acqua ma sulle scrivanie alla ricerca delle risorse finanziarie necessarie per essere al via della Coppa America. Anche per questo nei prossimi giorni allargheremo i vertici del sindacato con nuove risorse umane capaci di intraprendere sinergie e relazioni con il mondo economico italiano utili per vincere questo primo fondamentale match-race”.

Bandiere a festa nella sede della Canottieri Lecco dove è apparso il tricolore accanto al vessillo blu e celeste della centenaria società manzoniana e alla bandiera di Joe Fly

Felicissimo il presidente Marco Cariboni da sempre grande appassionato di vela. “Abbiamo passato ore di trepidante attesa perché in questi casi si teme sempre che manchi qualche documento pur avendo preparato tutto. Poi la notizia ufficiale che ci ha resi orgogliosi ma anche consapevoli che il difficile viene ora. L’entusiasmo e la grande passione saranno in questa prima fase il vento che ci dovrà portare sul traguardo del raggiungimento del budget per essere al via in Coppa America”.

Joe Fly Italia e Società Canottieri Lecco intendono ringraziare tutti coloro che a vario titolo hanno contribuito fattivamente al raggiungimento dell’iscrizione alla 33ª edizione della Coppa America. Non ultimo lo Yacht club di Sanremo per la sua squisita disponibilità.

giovedì 18 dicembre 2008

LO SFIDANTE ALLA COPPA AMERICA "ITALIA" SI ALLENA A PALERMO MA A GENNAIO SARA' AD AUCKLAND PER LE LOUIS VUITTON PACIFIC SERIES


l'equipaggio tutto italiano dello sfidante alla Coppa America "ITALIA"

Palermo, 18 dicembre 2008 - Il team "Italia" ha presentato, nella sede del Club Canottieri Roggero di Lauria di Palermo, i componenti del team, in concomitanza con gli allenamenti che il gruppo sta svolgendo nelle acque siciliane a bordo di due Tp52.
"E' un'onore per noi poter ospitare questo gruppo di velisti così legato alla nostra nazione - sono le parole di Gabriele Guccione Alù, Presidente Club Canottieri Roggero di Lauria. - si respira un clima di grandi sfide qui al club." Il programma di attività prevede una serie allenamenti in acqua e a terra ( tecnico, fisica e tattica) fino al 22 dicembre., poi Il Team si trasferirà a Valencia e ad Auckland per gli ultimi allenamenti prima delle regate.
"Questo test rappresenta una fase importante per l'affiatamento tecnico-sportivo e sarà fondamentale per amalgamare il team - sono le parole di Vasco Vascotto, skipper e tattico di Italia - L'organizzazione di questa fase di lavoro ha richiesto un grande sforzo da parte del nostro team e desideriamo poter sfruttare a fondo il tempo a nostra disposizione."
"Sono giornate intense dove ogni momento della giornate serve al team - sono le parole di Francesco Bruni, timoniere di Italia - i tempi sono molto ristretti, ma la professionalità dei ragazzi è unica. Il team si trasferirà in Nuova Zelanda all'inizio del nuovo anno per riprendere gli allenamenti nel golfo di Hauraki e sarà una bella avventura."

mercoledì 17 dicembre 2008

XIX Campionato Autunnale organizzato dal Circolo Nautico NIC di Catania



la foto dell'equipaggio vincitore con il Presidente del Circolo


Domenica 14 Dicembre si è svolta la quarta prova del XIX Campionato Autunnale organizzato dal Circolo Nautico NIC. La regata si è svolta con un vento di 8-10 nodi proveniente da Sud-Ovest. Il mare calmo e la giornata di sole hanno permesso alle 27 imbarcazioni delle due categorie Crociera/Regata e Gran Crociera di partecipare ad una regata estremamente regolare.

In classe Crociera/Regata si mettevano subito in evidenza i 40 piedi Squalo Bianco di Costa, Vag2 di Galassi, VeronX di Lo Vetro e Magic Bus di Calì. Le barche sulla sinistra del campo di regata sfruttavano un leggero salto di vento a sinistra ed una maggiore intensità del vento per prendere un deciso vantaggio sul resto della flotta. Fra le imbarcazioni più piccole Buricchia Kammelasoru di Emaldi partiva con un leggero ritardo e perdeva ulteriormente terreno a causa di qualche problema alla prima issata di spi. In testa alla regata si assisteva ad una lotta serrata fra le imbarcazioni più grandi VeronX e Vag2 che concludevano la regata nell’ordine. In tempo compensato, cioè tenendo conto delle diverse dimensioni e velocità delle barche, si imponeva Squalo Bianco di Costa, che si imponeva nel Trofeo Lello Giardina, davanti a Magic Bus di Calì e Vag2 di Galassi.

Nella classifica generale del Campionato Autunnale si imponeva il piccolo Buricchia Kammelasoru di Emaldi, davanti al Vag2 di Galassi e Squalo Bianco di Costa, che, pur vincendo due regate su quattro non riusciva a sopravanzare le imbarcazioni più regolari. Vittoria quindi di Buriccha Kammelasoru di Emaldi che invece, pur non vincendo nessuna regata, riusciva, con tre secondi posti ed un sesto ad aggiudicarsi il Campionato. Ottimo l’equipaggio con al timone Francesco La Via, con i tailer Fortunato Volo e Michele Torrisi, il randista Alessandro Marino, alle drizze Vincenzo Palmeri, all’albero Angela Li Destri ed all’estrema prua Salvo Paglia.

In classe Gran Crociera si assisteva ad una lotta serrata fra i protagonisti del Campionato Autunnale. Alla fine si staccava nettamente Stand by me di Pipitone che vinceva la regata ed il Campionato davanti al dominatore della classe dei precedenti campionati: Marinda di Consoli. Al terzo posto si piazzava Sif del messinese Fianacca che non riusciva però a conquistare il terzo posto anche nella classifica generale. In classifica generale si piazzava al terzo posto Judy di La Bruna nonostante che non abbia partecipato alla prima regata.

La manifestazione si concludeva con la premiazione della Classifica Generale e delle singole prove del Campionato Autunnale con il presidente del Circolo Nautico NIC Francesco Zappulla e il direttore sportivo Francesco La Via. L’applauso di tutti i partecipanti è andato all’ottimo Comitato di Regata presieduto da Enrico Alberino con Anfuso, Lazzara, Todaro e Pollara che ha permesso di effettuare delle splendide regate.

Tutti i partecipanti si sono dati appuntamento al 8 Febbraio che sarà la data di inizio del Campionato Invernale 2009.

domenica 14 dicembre 2008

ALEX BELLINI CEL'HA FATTA !! HA ATTRAVERSATO L'OCEANO PACIFICO A REMI IN SOLITARIO SENZA ASSISTENZA !! 9000 MIGLIA !!


Alex è in Australia!

Al largo di Newcastle, Alex ed il suo team, alla luce delle cattive condizioni meteorologiche previste, anomale per la stagione, hanno ritenuto conclusa la traversata, provvedendo all´incontro con una nave che lo accompagnasse in porto.

L´arrivo di Alex a Newcastle, è previsto per sabato 13 dicembre alle ore 18:30 per le formalità doganali. E´ organizzato un incontro con i fans ed i media domenica 14 dicembre al molo Man of War accanto all´Opera House di Sydney dalle 10:00 alle 10:30.

La traversata si conclude quindi con successo, stabilendo inoltre diversi record.

Con 295 giorni di traversata, Alex ha effettuato la remata in solitaria con esito positivo più lunga della storia. John Fairfax aveva fatto 361 giorni, ma in doppio. Peter Bird aveva fatto 294 giorni pertanto Alex lo supera. Sempre Peter Bird aveva fatto 304 giorni, ma con recupero/soccorso finale, quindi senza esito positivo. Erden Eruc aveva fatto 312 giorni, ma è stato poi recuperato da un peschereccio a 200 miglia (370 km) da terra.

Con 541 giorni trascorsi in mare in remate transoceaniche Alex raggiunge la seconda posizione assoluta nella classifica superando John Fairfax (che a differenza di Alex ha fatto 361 dei suoi 541 giorni in doppio).

DAL DIARIO DI BORDO 11/12/2008

Aggiornamento molto rapido. E´ l´una e 38. Finito ora di remare. Quest´avventura non è mai stata una gara contro il tempo, l´abbiamo sempre detto, ma da due giorni lo è diventata. Le previsioni meteo di manubrio, ultimamente, davano la ricomparsa di forte vento da W a partire dal 14 in poi e nonostante avessi sempre sperato in un improvviso cambiamento, il cambiamento ancora non si è verificato e ogni bollettino conferma quello precedente. Il resto lo avete saputo da Francesca. Ora la gara si fa sul tempo per non dover arrivare a terra di notte o, peggio ancora, beccarmi il vento proprio sul finire. Sarà molto dura perché le miglia che mi separano sono 80 in questo momento e 2 soli I giorni per coprirli. Pensavo che la mia volontà fosse più forte della forza del mare, invece oggi mi sono dovuto ricredere. Non è la conclusione che mi aspettavo, che ci aspettavamo tutti, ma non dimentico che si tratta sempre di un´avventura e l´imprevisto è sempre in agguato. Il giorno prima di partire da Lima dissi a Francesca che c´erano più possibilità di fallire che di raggiungere l´Australia quindi poteva anche succedere che ci si salutava per poi rivedersi un mese dopo a casa perché qualcosa era andato storto. Di cose storte ne sono andate parecchie, ultime proprio queste settimane in cui la terra mi ha testardamente rifiutato ma io ancora più testardamente ho insistito perché sentivo di potercela fare e proprio con l´ultimo giro attorno alla montagna avevo cominciato a credere davvero che sarebbe stata la volta buona. Alle volte la vita però è strana, le importa poco delle volontà delle persone ci presenta delle situazioni che fatichiamo a comprendere, non ci spieghiamo il motivo del "perché a me?" o del "perché proprio ora?" (il mare mi ha portato fin qui per giocarmi la beffa delle beffe), ma ho imparato da mia moglie -tutti I giorni imparo da lei qualche cosa- che qualunque cosa mi succeda nella vita quella è la cosa migliore per me in quel momento e dietro anche ad un "fallimento" -non è questo il caso- c´è da trarne un insegnamento. Da una parte sono molto dispiaciuto, l´arrivo a Sydney sarebbe stata una magia, dall´altra però sono emozionatissimo e sollevato perché non ce la facevo più ed ogni giorno che passavo in barca sentivo di procurarmi solo del male. Ci ho provato con coraggio, fino alla fine mettendoci tutto quello che avevo, ma va così e anche se sto bagnando la tastiera di lacrime tutto sommato sono contento perché ho dato tutto anche quando ormai mi sentivo finito e non dovrò recriminarmi niente e mai potrò dire a me stesso: "Se ci avessi almeno provato". Questo mi mette in pace ed accetto con rassegnazione la decisione. Questo è stato un lavoro di squadra, non un one-man-show. Tutti abbiamo lavorato duramente per un obiettivo comune e se è stato deciso così è perché non c´era cosa migliore. Potrà sembrare banale e una magra consolazione, ma il mio viaggio, il mio quello mio e solo mio, quello che mi ha portato a scoprire nuove terre ed angoli nascosti di me stesso era già compiuto ancora prima di questa decisione. Le fatiche, gli incubi, le paure e il costante perseguimento del mio sogno mi hanno fatto maturare moltissimo e spero in un futuro molto prossimo di poter raccontare ai miei figli quanto successo su questa barca in 10 mesi di mare. I saluti e le raccomandazioni aspetto di farvele domani, ma qui ora vorrei salutare e ringraziare mia moglie, Francesca, alias Penelope perché se c´è veramente chi avuto coraggio quella è lei. In questi mesi non mi ha mai fatto mancare nulla: amore, sostegno, motivazione, ceffoni, tutto dosato alla perfezione. Ha perso tante notti di sonno per starmi vicina quando la chiamavo nel cuore della notte chiedendole aiuto e, anche se alle volte con estrema fatica, non mi ha mai rifiutato un aiuto. Questo lo reputo il più bello, intenso ed inequivocabile segno del suo amore per me e mi auguro di poterne essere sempre degno. Dopodomani la rivedrò. Non so dire altro...ho un nodo alla gola. Vorrei inoltre ringraziare infinitamente per la dedizione con cui hanno contribuito a questa grande avventura Stefano Martini manubrio, il quale non mi ha fatto mancare un solo giorno I bollettini meteo, anche quand´era in vacanza, Roger Stewart che ho appreso stasera che non ci sarà ad aspettarmi a terra, causa impegni di lavoro il che mi dispiace enormemente, Cristiano Baroni webmaster e Manuela che ha seguito gli aggiornamenti del sito. Grazie. Questo è dedicato a voi.

sabato 13 dicembre 2008

GREEN COMM CHALLENGE (italia) VERSO LA COPPA AMERICA




GINEVRA - Il consorzio "Green Comm Challenge" ha partecipato oggi alla riunione dei Challenger iscritti alla Coppa America di vela. "Green Comm Challenge" era rappresentato dal suo presidente Francesco De Leo e dal presidente del CIRCOLO VELA GARGNANO Lorenzo Rizzardi. Continua così il lavoro di preparazione alle regate che nel 2009 si disputeranno nelle acque di Valencia.


La riunione dei Challenger rappresenta un altro importante passo compiuto verso la 33° Coppa America di vela: dieci dei dodici sindacati iscritti hanno espresso oggi, nel corso di una riunione svoltasi a Ginevra, l'unanime volontà di lavorare insieme in modo costruttivo per l'individuazione di una regola di classe e l'istituzione di norme che che possano soddisfare la totalità dei concorrenti.

Queste le decisioni più importanti prese:

- L'Arbitration Panel viene esteso a cinque membri con i due arbitri aggiunti nominati da tutti gli iscritti.

- Il Comitato di regata viene scelto da tutti gli iscritti;

- I funzionari, il direttore tecnico e i giudici saranno selezionati seguendo un processo simile al personale ufficiale ISAF(Federazione Mondiale della Vela);

- Due pre regate saranno disputate nel 2009 (luglio e settembre-ottobre a Valencia) prima della 33° Coppa America nel 2010.


Tutti i partecipanti alla riunione hanno espresso la propria soddisfazione per il processo avviato e la loro fiducia nei piani per l'organizzazione della 33° Coppa. Hanno inoltre esortato ancora una volta Bmw-Oracle ad abbandonare le vie legali ed entrare in questo “percorso” verso la prossima sfida.



"L'incontro tra i 16 consorzi iscritti e il defender Alinghi è stato come sempre molto interessante con molti punti esaminati" ha commentato a fine riunione Francesco De Leo - "La volontà di tutti è arrivare ad una nuova edizione della Coppa America con la presenza di più contendenti".


Il lavoro promozionale di "Green Comm Challenge" proseguirà ora sul territorio del lago di Garda.

domenica 7 dicembre 2008

VELA: CONCLUSE LE REGATE DELLA 19a IMPERIA WINTER REGATTA

Imperia, 7 dicembre 2008 – Conclusa la manifestazione con il sole e vento di tramontana, 4 prove portate a termine (3 per Laser e 420).

La giornata conclusiva della 19a Imperia Winter Regatta, manifestazione organizzata dallo Yacht Club Imperia ha visto splendere il sole sui campi di regata con un vento medio leggero – 8/10 nodi - di tramontana deciso nella prima mattinata e poi ruotato decisamente a levante.

La prima partenza per le classi 470 e Laser avveniva puntuale rispettando il programma, la prima partenza per i 420 doveva essere sospesa allorquando il vento girava di 40° verso est.

Le condizioni meteorologiche a partire già dalla tarda mattinata si stabilizzavano con vento da levante di intensità intorno ai 12/14 nodi, più disteso sul campo di regata della classe 420 (open e femminile) posizionato più a levante del porto di Oneglia, più instabile su quello di 470 (maschile e femminile) e Laser Standard (maschile) e Radial (maschile e femminile).

Quattro le manche disputate prima dello scadere del tempo massimo, solo 3 per la classe Laser e per la classe 420.

Nella classe 470 la vittoria finale è andata all’equipaggio croato Siviz/Farneti che nella giornata odierna ha ottenuto i risultati parziali 18 (scartato come peggior tisutato)-2-3-4 e ha avuto la meglio sui due team tedeschi che lo hanno seguito in classifica, Bogacki/Steinborn (1-(6)-6-2) e Gerz/ Boldual (2-4-9-7) rispettivamente al secondo e terzo posto.

In campo femminile nella stessa classe olimpica l’equipaggio tedesco Bochmann/Lorenz (oggi 2-2-2-4) l’ha spuntata per un solo punto su secondo classificato, quello composto dalle palermitane De Giacomo/Cicala (oggi 1-3-3-(5)). Terzo posto per un altro equipaggio rosa tedesco Wagner/Steinherr ((dnf)-4-5-1).

Nella classe Laser Standard il migliore è risultato l’esperto Michele Regolo, portacolori della Guardia di Finanza (oggi (4)-2-1) che ha concluso la serie di regate davanti a Giacomo Bottoli (oggi 3-1 (8)) e all’ungherese Berecz.

Nei Laser Radial ha vinto la triestina Elisabetta Macchini.

Nella classe 420, la più numerosa sul campo di regata con oltre 120 partecipanti, vittoria in campo maschile del team britannico Sparks/Gratton oggi 3-(9)-9) che ha superato di un punto nella classifica finale l’equipaggio di Albenga Vignone/Ramian (oggi 1-15-2), secondo, e di tre punti quello bellanese Maccari/Vitali (oggi 10-(24)-12), terzo. Sesto posto finale per l’equipaggio di casa, portacolori dello Yacht Club Imperia, Rivera/Berio.

Fra le ragazze al primo posto si è confermata la coppia triestina Wetz/Parladori (oggi 1-1-(5)), che ha avuto la meglio sulle napoletane Marino/Soricelli (oggi (bdf)-4-3) e sulle ravennati Celli/Morini (oggi ((20)-12-2).

Nei giorni dell’IWR si è disputato L’Equipe International Meeting, manifestazione riservata ai più giovani equipaggi: una ventina di equipaggi hanno dato vita a 5 prove sul campo di regata situato fra il porto di Oneglia e quello di Porto Maurizio. La vittoria è andata ai fratelli triestini Savio (1-(5)-3-1-1) davanti a due equipaggi di Ventimiglia, quello femminile Gertsch/Valente (3-1-2-3-(4)) e quello maschileManara/Incarbona (4-2-(ocs)-2-3).

A fine regata nella base logistica situata negli spazi dell’ex Deposito Franco sul porto di Oneglia si è svolta la premiazione alla presenza del presidente dello Yacht Club Imperia Riccardo Guatellli.

sabato 6 dicembre 2008

VELA: SECONDO GIORNO DI REGATE DELLA 19a IMPERIA WINTER REGATTA

Dopo la giornata d’apertura caratterizzata dal maltempo è tornato il sole sulle regate liguri

Imperia, 6 dicembre 2008 – Dopo le condizioni meteorologiche proibitive della giornata di apertura il sole è tornato a riscaldare la riviera del ponente ligure permettendo finalmente di disputare le prime prove della 19a Imperia Winter Regatta, manifestazione organizzata dallo Yacht Club Imperia.

Nella mattinata il vento stentava a distendersi sui due campi di regata – a levante dell’abitato di Imperia quello per i 420 (open e femminile), a ponente quello delle classi olimpiche 470 (maschile e femminile, Laser Standard (maschile) e della classe Laser Radial (maschile e femminile) – pertanto il Comitato di Regata ritardava la partenza fino alle prime ore del pomeriggio. A quel punto si era disteso un vento di levante di intensità intorno a 10/12 nodi che permetteva di segnalare la partenza di tutte le classi in gara: le regate risultavano particolarmente impegnative per il moto ondoso che permaneva dopo la libecciata di ieri.

Due le prove concluse per le classi 470 e Laser: la seconda delle quali ridotta appena prima del tramonto.

Nella classe 470 maschile la classifica generale vede in testa l’equipaggio croato Siviz Kosuta/Farneti primo in entrambe le manche di oggi, seguito dai due equipaggi tedeschi Wagner/Scheufleur (2-2) e Bigaki/Steinborn (4-5) rispettivamente al secondo e terzo posto. Nella classe 470 femminile al comando è l’equipaggio palermitano De Giacomo/Cicala (4-1).

Nell’altra classe olimpica, Laser Standard, è Giacomo Bottoli, portacolori del Centro Velico Marina Militare, a guidare la classifica (2-3) davanti all’ungherese Berecz (1-8), secondo a al gardesano De Paoli (10-1) terzo.

Domani conclusione di IWR 2008 con la partenza della prima prova prevista per le ore 10.00.
Tutte le informazioni (live race, risultati e foto durante la manifestazione) sono disponibili sul sito: http://i-w-r.com

venerdì 5 dicembre 2008

VELA: SOSPESE LE REGATE NEL PRIMO GIORNO DELLA IMPERIA WINTER REGATTA

Condizioni meteo proibitive–mare formato con onde fino a 2,50 m e vento a oltre 20 nodi- hanno costretto a sospendere il programmaImperia, 5 dicembre 2008 – Un mare burrascoso di libeccio e il vento sostenuto hanno caratterizzato la prima giornata di regate della 19a Imperia Winter Regatta, la manifestazione organizzata dallo Yacht Club Imperia; le condizioni meteorologiche particolarmente impegnative hanno costretto il Comitato di Regata a sospendere tutte le attività in mare rimandandole a domani.

Le onde del mare forza 6 e il vento di libeccio che all’inizio della giornata soffiava a intensità che superavano i 20 nodi: rendevano praticamente impossibile la discesa in mare degli oltre 400 velisti (in rappresentanza di Algeria, Austria, Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Monaco, Olanda, Slovenia, Svizzera, UK, Ungheria) delle classi 420 (open e femminile) delle classi olimpiche 470 (maschile e femminile) e Laser Standard (maschile), della classe Laser Radial (maschile e femminile) e di quelli più giovani impegnati ne L’Equipe International Meeting.

Nel pomeriggio, alle ore 17.00, si è svolta la Cerimonia di Apertura nella base operativa situata negli spazi dell’ex Deposito Franco dell’antico porto di Oneglia.Domani la partenza della prima prova è prevista per le ore 10.00.
Tutte le informazioni (live race, risultati e foto durante la manifestazione) sono disponibili sul sito:http://i-w-r.com

LA LEGA NAVALE DI SENIGALLIA HA UN NUOVO DIRETTORE SPORTIVO


Sono passate poche settimane da quando la locale sezione della Lega Navale, al termine di una selezione informale, ha scelto il suo nuovo Direttore Sportivo nella persona del dr. Jacopo Mutti.
Terminata l’iniziale fase di ambientazione, in cui è stato assorbito da mille impegni, lo scorso sabato siamo riusciti ad incontrarci per circa un’ora e mezza presso la sede dell’associazione per conoscerci e per scambiare idee ed opinioni a 360°.

Le sue credenziali ed il curriculum disegnano in maniera chiara ed inequivocabile il profilo di un tecnico dotato di esperienza, capacità, conoscenze e, non ultima, un’umanità sensibile ed attenta.
A soli 31 anni il dr. Mutti (laurea in antropologia) ha già l’esperienza di oltre 22 anni di vela ed il titolo di Istruttore FIV di 3° livello (sono necessari molti anni e vari esami per il 3° livello n.d.r.); inoltre è già stato Direttore Sportivo per 5 anni del noto Centro Velico Punta Marina di Ravenna che conta, solo tra i praticanti e gli agonisti, più di un centinaio di atleti.
Tra i gli incarichi di maggior rilievo ricoperti presso il C.V.P.M. va menzionata la responsabilità di Tecnico per la classe Europa ai mondiali 2004 di Cagliari ed il ruolo di Allenatore della squadra Laser e del vincitore della Coppa del Presidente 2007 Laser 4.7.

La sua “filosofia” vede lo sport non come un fine in sé ma come uno strumento per costruire persone capaci di raggiungere obiettivi ambiziosi, di seguire le regole e per quanto possibile di collaborare e rispettarsi: capaci di vivere insieme ad altre persone, capaci ora ma soprattutto capaci anni dopo quando, come cittadini responsabili, avranno un ruolo nella società civile.
In altre parole: lo sport come percorso di crescita, di maturazione ed, in definitiva, di vita.
Con il suo impegno lo sport cittadino ha già fatto un piccolo passo avanti.
CREDO PROPRIO CHE DIVENTEREMO BUONI AMICI !!
TO BE CONTINUED .....................

mercoledì 3 dicembre 2008

Domani parte la IMPERIA WINTER REGATTA


Tutto è pronto nel porto di Oneglia per l’inizio ufficiale della 19a Imperia Winter Regatta, la manifestazione organizzata dallo Yacht Club Imperia che vedrà i mare oltre 400 velisti provenienti da 14 nazioni (Algeria, Austria, Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Monaco, Olanda, Slovenia, Svizzera, UK, Ungheria) impegnati con le imbarcazioni delle classi 420 (open e femminile) e le classi olimpiche 470 (maschile e femminile) e Laser Standard (maschile), la classe Laser Radial (maschile e femminile).
I più giovani equipaggi in gara daranno vita a L’Equipe International Meeting.
Domani 4 dicembre la giornata di apertura della manifestazione sarà dedicata al perfezionamento delle iscrizioni e gli equipaggi presenti potranno provare i campi di regata, posizionati nello specchio d’acqua antistante il capoluogo del ponente ligure, in una prova d’allenamento.Il programma dei giorni seguenti prevede regate – un massimo di nove per tutte le classi in gara – da venerdì a domenica; venerdì pomeriggio alle ore 17.00, alla fine dell’attività agonistica in mare avrà luogo la Cerimonia di Apertura nella base operativa situata negli spazi dell’ex Deposito Franco dell’antico porto di Oneglia.Anche quest’anno la gestione sportiva di IWR sarà affidata a una giuria internazionale composta da Giudici di Regata provenienti da Austria, Francia, Germania, Grecia, Israele e Italia, mentre il Comitato di Regata che dirigerà le operazioni a mare sarà presieduto dagli Ufficiali di Regata italiani Fabio Barrasso di Genova e Pierangelo Morelli di Andora.
Tutte le informazioni (live race, risultati e foto durante la manifestazione) sono disponibili sul sito:http://i-w-r.com/ .
Alla fine della manifestazione anche quest’anno saranno disponibili il calendario di IWR scaricabile on line e il libro fotografico di Fabio Taccola edito da Sea Book (http://www.sea-book.com/) .
TO BE CONTINUED ...............................

martedì 2 dicembre 2008

LO YACHT CLUB IMPERIA ORGANIZZA LA 19° IMPERIA WINTER REGATTA

Ieri mattina nella Sala della Giunta del Comune di Imperia è stata ufficialmente presentata la 19° Imperia Winter Regatta, la manifestazione organizzata dallo Yacht Club Imperia (http://ycim.it/ ) che si conferma ancora una volta come un evento di livello internazionale.

La conferenza ha avuto luogo alla presenza del presidente dello Yacht Club Imperia, Riccardo Guatelli, dell’Assessore allo Sport e Manifestazioni, Marco Scajola e dell’Event Manager, Luigi Rognoni, che ha illustrato il programma e i dettagli dello svolgimento delle regate.

Alle regate che avranno come base logistica l’antico porto di Oneglia saranno presenti oltre 400 atleti provenienti da 14 nazioni: Algeria, Austria, Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Monaco, Olanda, Slovenia, Svizzera, UK, Ungheria.Nei giorni 4 -7 dicembre 2008 sul campo di regata del capoluogo del ponente ligure saranno in gara gli equipaggi delle classi 420 (open e femminile) e le classi olimpiche 470 (maschile e femminile) e Laser Standard (maschile), la classe Laser Radial (maschile e femminile) come pure i giovanissimi velisti impegnati ne L’Equipe International Meeting.

Anche quest’anno la gestione sportiva di IWR sarà affidata a una giuria internazionale composta da Giudici di Regata provenienti da Austria, Francia, Germania, Grecia, Israele e Italia, mentre il Comitato di Regata che dirigerà le operazioni a mare sarà presieduto dagli Ufficiali di Regata italiani Fabio Barrasso di Genova e Pierangelo Morelli di Andora.

Tutte le informazioni (live race, risultati e foto durante la manifestazione) sono disponibili sul sito: http://i-w-r.com e alla fine della manifestazione anche quest’anno saranno disponibili il calendario di IWR scaricabile on line e il libro fotografico di Fabio Taccola edito da Sea Book (www.sea-book.com).

lunedì 1 dicembre 2008

Progetto "VelaScuola" della Compagnia della Vela Grosseto


Riceviamo e molto volentieri pubblichiamo dalla www.compagniadellavelagrosseto.it/ :


Tutti a scuola di vela

Studenti delle elementari a lezione dalla Compagnia della Vela Grosseto

È partito, per il secondo anno consecutivo, il progetto ‘VelaScuola’ promosso dalla Compagnia della Vela Grosseto sulla base del Protocollo d’Intesa tra il Ministero della Pubblica Istruzione e la Federazione Italiana Vela.

Principale obiettivo del progetto è la creazione e lo sviluppo di una cultura nautica, attraverso la creazione di una sana coscienza ambientale, l’instaurazione di corretti modelli di vita sportiva, la scoperta e la ricerca della cultura marinara, l’acquisizione di conoscenze e abilità che costituiranno la base di future professionalità.

Sono previsti 5 incontri di due ore ciascuno da novembre a marzo, nei quali verranno sviluppati i concetti di orientamento, meteorologia, nomenclatura, ambiente, navigazione, nodi marinari e attività motoria. Al termine gli alunni potranno mettere in pratica quanto appreso durante le lezioni attraverso uscite in mare nel mese di aprile e maggio presso la sede nautica della Compagnia della Vela Grosseto a Marina di Grosseto.

Le lezioni sono tutte tenute da istruttori federali.

Il progetto è stato inserito nel POF della scuola elementare di Marina di Grosseto.

Questi i nomi degli alunni che hanno aderito al progetto (Scuola Primaria Marina di Grosseto):

Classe 1°: Imantas Tosti Colarieti, Sofia Cherubini, Andrea Banchi, Mehmet Kokcu, Alessia Civitarese, Leonardo Franzese, Lorenzo Carrarini, Angelica Tassone.

Classe 2°: Raffaele Di Marino, Ibrahim Kokcu.

Classe 4°: Valerio Cinelli, Tommaso Catani, Sofia Ambrogetti, Thomas Fancellu

www.compagniadellavelagrosseto.it/

venerdì 28 novembre 2008

ALEX BELLINI AL GRAN FINALE !!



Here we are ! Eccoci qui !
Alex Bellini è ripartito !
Dopo quasi una settimana infernale passata alla deriva dopo il rovesciamento (ed il raddrizzamento) in balia di venti contrari e correnti "malvage" ha ripreso il controllo della situazione di superbignavigation.
In questo momento lì da Alex sono le 03:45 di "mattina" .... probabilmente sta dormendo ...
la sua posizione: Lat 29° 18',5 S e Long 154°49'49" E
la sua velocità: 1,62 nodi
il Vento (all spalle) : oltre 25 nodi da NORD
la sua rotta : 200 ° (debolmente "avvicinante" alla costa)
si trova a cica 200 miglia dall'Australia a sud di Brisbane ....

FORZA MAGICO ALEX !!!!!!
ANCORA POCHI GIORNI !!!

TO BE CONTINUED .............

domenica 23 novembre 2008

ALEX BELLINI FOREVER !!!!


nell'immagine di sopra presa dal sito di www.alexbellini.it un'idea della "lunga rotta" seguita da ALEX ....... è proprio il caso di dire: SENZA PAROLE !


Alex Bellini è solo sulla sua barca a remi da oltre 280 giorni (duecentoottanta) e ha già percorso oltre 8000 (ottomila) miglia nautiche ................................................

Un' esperienza inimmaginabile per l' Uomo ......................

Un'avventura epica che ricorda le peripezie di Ulisse ...................

L'ultima settimana è stata durissima anche per tipi acciaiosi come lui: prima la tempesta poi il rovesciamento a 180 + 180 gradi ......................

I due telefoni satellitari fottuti (uno solo manda e riceve sms) ......qualche quintale d'acqua di mare a bordo .....................................

A sole trecento miglia dall'approdo in Australia venti forti contrari lo stanno costringendo alla deriva dalla parte sbagliata ........................

Un vero incubo ....................................

il link alla sua posizione attuale:
http://www.alexbellini.it/posizione.php

FORZA ALEX DAI CORPO AI NOSTRI SOGNI!
GETTA IL TUO CUORE OLTRE LA BARRIERA CORALLINA AUSTIALIANA!
MANDIAMO UN SMS AD ALEX !


TO BE CONTINUED ..............................

sabato 22 novembre 2008

ANGELO PREDEN E RICCARDO TOSETTO: www.ventomare.it


Oggi vi presento due nuovi amici..........
E che amici !!
Beh per chi è un affezionato lettore e collezionista di tutti i numeri del mensile BOLINA sono delle vecchie conoscenze ......... anzi, ma che dico, ... quasi dei miti (almeno per me)!
Fate una visitina al loro sito ....... buttate l'occhio al curriculum e ve ne convincerete:

Vacanze Vela

http://www.ventomare.it" title="vacanze vela"> Vacanze Vela


TO BE CONTINUED ........................

martedì 18 novembre 2008

SKIPPER ....... CHI L'HA VISTO?


Visto che "qualcuno" si chiedeva dove fosse la barca (e "ufficio") di skipper ho pensato di fare qualcosa di più e di meglio che esporre la solita foto !
Quindi vi regalo il link alla webcam pubblica con cui potrete vedere in tempo reale la mia barca all'ormeggio ed anche me stesso in carne ed ossa quando sono visibile in coperta:

http://80.19.143.197/view/index.shtml

Per i più curiosi sarà possibile vedere anche gli interni della mia barca, ma solo se sono a bordo e online, collegandosi in videochiamata con:

il mio account messenger: dige02[at]hotmail.it

il mio account skype: skipperandreamessersì

E ADESSO SOTTO A CHI TOCCA !!

CURIOSONI

;-)

TO BE CONTINUED .................................



venerdì 14 novembre 2008

ONDANOMALA SAILINGTEAM PARTY 29 E 30 NOVEMBRE (ancona)



Programma

  • Sabato Ore 10,30 Ritrovo al Marina Dorica

  • Sabato Ore 11,00 Imbarco e veleggiata

  • Sabato Ore 16,00 Rientro in porto

  • Sabato Ore 19,00 Aperitivo al Marina Dorica

  • Sabato Ore 20,30 Cena per tutti i gusti (25€)

  • Sabato Notte Balli sfrenati e nanna

  • Domenica Ore 11,00 Veleggiata di saluto

Sabato Ore 10,30 Ritrovo c/o il BAR del Marina Dorica

Sabato Ore 11,00 Imbarco e partenza e se il tempo è clemente, veleggiata fino a Portonovo e
se il diluvio ci accoglie, gita turistica in auto. Pranzo : al sacco (fate voi, panino, pizza , frutta ...)
per l'acqua ci pensiamo noi !

Sabato Ore 16,00 l'orario di ritorno al porto anche se come sempre decidera' il mare ed il vento.

Sabato Ore 19,00 Dopo che tutti si sono sistemati x la notte (barche o B&B) "Aperitivo al Marina Dorica".

Sabato Ore 20,30 Cena e abbuffata per tutti i gusti e alla notte balli sfrenati ma non troppo all'enoteca Essentia di Chiaravalle (25 €)

Sabato Notte Per la nanna le barche dei soci Ondanomala sono a disposizione per la notte, ma per chi ha freddo vi è la possibilità di dormire in B&B a cifre intorno ai 25 euro a testa.

Domenica Ore 11,00 Per chi si sveglia veleggiata di saluto



Per prenotazioni o informazioni sui costi (25 € la cena 5 € tessera Ondanomala)
+39 347 8673639 - Bibo +39 347 8192363
info@ondanomala.an.it

www.ondanomala.an.it

Contattarci prima possibile i posti sono limitati (tessera socio obbligatoria)

VENDO CATAMARANO PRINDLE 16 (€.2.500)




Per un amico cosa non si farebbe .................... (?!)

Prindle 16
Fabbricazione americana (california)
In ottime condizioni, 2 rande, 3 fiocchi, 3 tendalini
Sartiame nuovo de pacca...€ 2.500
Carrello da alaggio
Se non sono lontani lo consegno io.
Fino a circa 200km

mail to: lpuntopierlucachiocciolamindconsultingpuntoit

mercoledì 12 novembre 2008

EUDAIMONIA: il blog della filosofia (della vela) e non solo …….

Oggi voglio rendere omaggio a due cari amici blogger: Sonia e Giorgio di www.gooddaimon.blogspot.com che sono gli artefici del blog della filosofia (della vela) e non solo ……..

EUDAIMONIA …. Sin dal nome del blog si capisce che vogliono volare alto …. Liberi ….. IL BUON SPIRITO GUIDA ….. nient’altro! Il termine deriva dal greco ed ha un significato piuttosto complesso ed articolato secondo le diverse accezioni filosofiche, sia greche che romane, ma nei limiti del mio blog lo tradurrei come: la condizione umana di chi è”guidato” da un buon” spirito” (e non semplicemente: felicità).

Si continua poi con la citazione del sottotitolo di F.Nietzsche …… la poesia di Charles Baudelaire dall’incipit che mi è sempre stato caro: Uomo libero, sempre amerai il mare! …… e poi ancora, quando ci siamo parlati i riferimenti a Pasolini ……

Dei due blogger conosco un po’ meglio Sonia per averci chiacchierato per oltre due ore ….. di un pomeriggio … di un giorno da cani ….e anche lì le vibrazioni sono state positive e perfettamente in linea con quello che avevo già captato … ecco come si presentano:

Ciao siamo Sonia e Giorgio, armatori (è una parola grossa per una barca di 7 metri!!!) di Boiled Fish, aspiranti navigatori, sognatori, innamorati del mare, squattrinati e sempre pronti a partire per arricchire la nostra esperienza e aggiungere miglia al nostro curriculum!

Abbiamo grandi progetti, che il mare e il navigare diventi la nostra vita e il nostro pane, per noi non è solo una passione o un passatempo ma è l'assecondare un moto interiore...Crediamo che un buon daimon, portatore del nostro destino, ci guidi e indirizzi a compiere le scelte giuste. Ciò che cerchiamo sono libertà e felicità, perchè siamo convinti che vivere sia qualcosa di più che respirare, che non siamo consumatori e tantomeno merce. Dunque nel nostro blog racconto il nostro amore per il mare e per la scoperta di nuovi luoghi, le emozioni e le sensazioni che proviamo quando andiamo per mare. Forse è solo un "esercizio stilistico" chissà?! Chissà se realizzeremo il nostro sogno?! Staremo a vedere chi l'avrà vinta! E voi amanti del mare e del navigare seguiteci se volete!E aiutateci se potete!Ad intraprendere percorsi, a condividere esperienze e conoscenze...siamo solo un abbozzo di marinai!!!

MICA VERO! Con il piccolo comet ne hanno macinate già tante di miglia! Leggere per credere:

www.gooddaimon.blogspot.com

DA NON PERDERE !!

venerdì 7 novembre 2008

REGATE NAZIONALI DI SELEZIONE AGLI EUROPEI E MONDIALI 2009 CLASSE 420


nella foto gli attuali Campioni Nazionali e Juniores 2008 classe 420: a destra Francesco Falcetelli e a sinistra Gabriele Franciolini
Nella splendida “cornice” di Torre del Greco, tra il 31 Ottobre ed il 2 Novembre scorsi, sono iniziate le regate nazionali della classe 420 al termine delle quali saranno selezionati i migliori equipaggi che gareggeranno portando i colori italiani agli europei ed ai mondiali 2009.

Purtroppo le competizioni sono state ostacolate dal vento, prima molto variabile ed incostante, e poi,molto scarso, mentre invece le condizioni del mare erano caratterizzate da una mareggiata in “scaduta” con onde fino a quasi due metri in progressiva attenuazione.

Le sfavorevoli condizioni meteorologiche hanno costretto la Giuria a far disputare, agli oltre 130 equipaggi provenienti dalle varie zone d’Italia, solo tre delle nove regate previste in calendario annullando per la sopravvenuta mancanza di vento proprio l’ultima prova in cui gli equipaggi senigalliesi erano riusciti a piazzarsi in testa al gruppo (sesti ed ottavi).

La classifica finale vede i velisti del Gruppo Agonistico del Club Nautico nelle seguenti posizioni: 12° Francesco Falcetelli e Franciolini Gabriele (i Campioni Nazionali e Juniores 2008 per ora sono qualificati sia per il mondiale che per l'europeo juniores); 20° Frezza Beatrice e Manfredi Serena (per ora sono qualificate per il mondiale femminile); 96° Mazzanti Lidia e Palestrini Giulia; 122° Alessandrini Alessandro e Ferretti Mattia (alla loro prima partecipazione alle regate di selezione per gli europei ed i mondiali).

venerdì 31 ottobre 2008

Velisti di Senigallia: FABIO GRESTA:



Fabio Gresta è nato e cresciuto a Senigallia dove risiede ancora oggi; quarantaquattro anni; è fondatore dell’associazione velica “VELEMAGICHE” (www.yemanja.it ); blogger (www.yemanjainblu.blogspot.com ); segno zodiacale Gemelli.

Lo invito alla darsena sulla mia barca dove mi racconta del suo precoce contatto con il mare presso la scuola di nuoto del padre a soli sette giorni dalla nascita; poi, in seguito: il windsurf nel 1980 di cui è stato istruttore per anni, qualche crociera, un po' di uscite con il Gap del notaio Sgolacchia e, dall'87, secondo skipper, infine, dal 97, primo skipper.

Preferisce le lunghe navigazioni in crociera ma non disdegna le regate sempre a condizione di avere l'equipaggio giusto. Dedica alla vela sei sette mesi all'anno e tra i suoi velisti di “culto” ci sono: Moitessier per il “mito” e Soldini, conosciuto qualche anno fa in Martinica, per la simpatia.
Da personaggi di questo calibro ha preso in prestito la sua “filosofia” : temere e rispettare sempre il mare perché per quanto lo si possa conoscere bene è sempre in grado di sorprenderti.
Per esempio durante una traversata di qualche anno fa dalle Baleari a Maon le condizioni del mare peggiorarono fino a forza 7 tanto che, ad un certo punto, un frangente gigante sommerse completamente la barca fino al boma (circa a tre metri dal livello medio del mare n.d.r.): rapida inversione di rotta a favore di vento e un'intera notte a surfare sule/nelle onde, nell’oscurità più completa, regolandosi al timone solo a orecchio a seconda della provenienza del rumore del mare: all'arrivo ad Alghero fu sopraffatto dalla "soddisfazione" e dormì per due giorni.

Ovviamente, mi racconta, esiste anche l’altra faccia della “medaglia” come quando, nell’estate del 2001, fece una crociera di sei giorni dalla Sardegna alla Grecia durante la quale tutto andò perfettamente: vento favorevole, mare buono, sole, equipaggio molto simpatico, barca a punto, cambusa eccellente ecc. ecc.

Nel suo curriculum trovano posto anche le regate in cui, in gioventù, si cimentò nel Campionato Nazionale Windsurfer piazzandosi quarto ma, in seguito si è sempre più spesso dedicato ai cabinati con cui effettua piacevoli crociere sia in Grecia che in Croazia e, dal prossimo anno, anche ai Caraibi.
Conclude la chiacchierata ringraziando tutti gli amici che lo hanno aiutato pazientemente a percorrere questa “rotta”.
TO BE CONTINUED ..........................

venerdì 24 ottobre 2008

NUOVI RISULTATI PER LA VELA SENIGALLIESE


nella foto da sinistra: mario d'ignazio, filippo manfredi e elena paolasini
La scorsa domenica, 19 ottobre, si sono svolte a Civitanova le regate del Campionato Zonale classe Optimist che hanno visto impegnati in tre regate i 22 velisti juniores di età compresa tra i 12 ed i 16 anni mentre solo due competizioni sono state disputate dagli altri 13 cadetti (tra gli 11 ed i 9 anni).

Purtroppo il vento si è fatto attendere a lungo e quando è arrivato si è mostrato debole ed incostante lasciando i velisti in discrete difficoltà a causa della corrente inspiegabilmente sensibile.

Al termine delle regate la classifica zonale juniores ha visto al primo posto Martina Pierpaoli di Ancona, al secondo posto Filippo Manfredi del Club Nautico Senigallia ed al terzo posto Matteo Pincherle di Sanbenedetto.

Da segnalare anche il terzo posto nei cadetti di Mario D’Ignazio, sempre del Club Nautico, tra le cui fila mancava però Elena Paolasini, che molto probabilmente avrebbe potuto ben figurare.

Il titolo zonale cadetti è stato conquistato da Vittorio Ciccone di Sanbenedetto che si è sempre distinto bene durante tutta la stagione di regate.

venerdì 17 ottobre 2008

A.A.A. CERCASI VELISTI DISPERATAMENTE!


Oggi mi occuperò di un pregiudizio molto diffuso che riguarda il mondo della vela e che è ormai necessario sfatare. Sto parlando del fatto che secondo la vulgata popolare questo è uno sport da ricchi snob. Niente di più falso: mi sono bastate alcune telefonate e due chiacchiere con i responsabili del Club Nautico, della Lega Navale e dell’Associazione Velica per avere conferma di ciò che già sapevo a pelle.

Tutte queste associazioni mettono a disposizione dei soci non “armatori” un certo numero di imbarcazioni, sia derive che piccoli cabinati, con costi che vanno da zero a pochi euro al fine di attirare nuovi appassionati nell’ambito della vela. Si inizia dagli Optimist per poi passare agli Europa, ai Laser, ai 420, ai 470, agli Alpa 5,5 e ai Trident ecc. e si finisce su piccoli cabinati tipo Arlecchino e Beneteau 25 (entrambi di m.7,5); in più nei limiti della disponibilità dei soci che possiedono già una barca è possibile concordare nei fine settimana alcune uscite di iniziazione.
Per chi desidera fare un vero corso di vela o addirittura impegnarsi in regate, che siano bambini, ragazzi o adulti, sono previste varie opportunità tutte a costi abbordabili ed in linea con qualsiasi altro sport. Se si inizia questa fantastica avventura durante la buona stagione non è nemmeno così tanto necessario dotarsi delle più costose attrezzature tipo cerate, mute, guanti, calzari ecc.

Credetemi so quello che dico: mio figlio di barche non ne vuole sapere e così negli ultimi cinque anni mi sono fatto un’idea del costo del karate, della pallacanestro, del calcio, del nuoto, e del ping pong!

Del resto io stesso dal 1996 ho portato sulla mia barca a gratis oltre una decina di ragazzi che spesso partivano da zero: eppure alcuni di loro oggi sono diventati armatori, fanno regate, hanno attraversato l’Atlantico, sono skipper professionisti, fanno charter in croazia o in grecia oppure sono entrati stabilmente a far parte del mio equipaggio e hanno macinato migliaia di miglia.

E allora …. che aspettate … : UN CAFFE’ IN MENO AL GIORNO E IN UN VELISTA MI TRASFORMO!!
TO BE CONTINUED ..................

venerdì 10 ottobre 2008

Velisti di Senigallia: Americo Alessandrini




Americo Alessandrini è nato e cresciuto a Senigallia dove risiede ancora oggi, è professore di Italiano alla scuola secondaria ; quarantadue anni; patente nautica da 20; segno zodiacale Leone. Lo “convoco” alla darsena e lo invito sulla mia barca dove mi racconta della sue prime uscite, dopo aver imparato a “nuotare”, a 10 anni, con suo padre, sul vecchio Dinghy 12 piedi di legno; poi più tardi un corso di windsurf e il Comet 9,10 di di Nicola Fuzzati con cui ha macinato migliaia di miglia nell’Adriatico

E’ un appassionato amante delle lunghe navigazioni in crociera al punto da “trasformare” anche le regate: a suo dire i migliori momenti della Pesaro - Rovigno o del Campionato Invernale di Ancona sono state le mangiate e le bevute in compagnia! (e come dargli torto! N.d.r.)
Dedica alla vela molto meno tempo di quanto vorrebbe: qualche decina di uscite l’anno e, se ci scappa, una crocierina in croazia. Tra i suoi velisti “mitici” c’è un po’ di tutto: Moitessier, Soldini, i Velisti per Caso anzi, per la verità, si definisce lui stesso un velista per caso.

Mi ha raccontato due episodi che definiscono bene la sua “cifra velica” : uno un po’ ansiogeno ed l’altro fantastico. Nel primo si trovava con Nicola fuzzati e Luigi Paolasini alla fonda presi all’anello metallico arrugginito di un corpo morto sotto cento chilometri all’ora di bora: l’anello cedette e la bara derivò velocemente verso gli scogli a riva. A tre metri dalle rocce il motore si avviò: sulle prime con il gas a manetta si stava perfettamente fermi poi riuscimmo a rimontare il vento e a ripararci. Il secondo: durante una traversata, stava dormendo nella cuccetta di prua quando fu svegliato da dei rumori di qualcosa che urtava ritmicamente lo scafo. Se ne esce in coperta pensando a quanto erano sciocchi gli altri che se stavano svegli di guardia a far penzolare le gambe fuoribordo percuotendo con i piedi la barca … Invece scoprì con grande meraviglia che si trattava dei delfini che si grattavano la schiena sulla prua del Comet.

I suoi più bei ricordi di navigazione sono legati alla prima crociera in croazia con gli amici poco più che ventenni, la prima volta che si faceva sul serio, senza adulti. Ormai ci conosciamo da un bel po’ e quindi non sorprendo affatto quando, sorridendo, mi dice che la sua maggiore soddisfazione in regata è stata l’arrivare in tempo per la pasta e fagioli della Stamura (anche il “rosso” non era male! N.d.r.) .

Negli ultimi vent’anni ha utilizzato un po’ tutti i cabinati di amici e conoscenti e tra questi ricorda con particolare affetto la Folgore di Fuzzati ed il Capriccio ed il Fedra dell’avv. Giombetti (ex Presidente della Lega Navale) , il mio glorioso All’Ultimo Minuto e l’Odysseus del fratello, splendida barca tutta di legno.
L’unica barca che è sempre rimasta al suo fianco è il Dinghy 12 piedi di famiglia tutto di legno.

Conclude la chiacchierata dicendosi fortunato di poter avvicinarsi alla natura attraverso il mare e la vela che considera molto più che uno sport: è in grande “gioco” che ti può cambiare la vita o educarti ad una visione “filosofica” della stessa; infine ringrazia me e tutti gli altri armatori che l’hanno portato a bordo.
PREGO NON C'E' DI CHE ! SE SAPESSE QUANTO HO APPRESO DAL LUI ......

lunedì 6 ottobre 2008

CLASSIFICA DEFINITIVA CAMPIONATO NAZIONALE FEMMINILE CLASSE 420

nella foto da sinistra verso destra: il Presidente del Club Nautico sig. Carlo Palestrini; 2° Federica Wetzl e Marta Parladori; 1° Camilla Marino e Claudia Soricelli; 3° Sara Amendola e Giulia Paolillo; l'Assessore allo Sport sig. Gennaro Campanile

LINK ALLE FOTOGRAFIE E AL PDF SCARICABILE DELLA CLASSIFICA DEFINITIVA DEL CAMPIONATO NAZIONALE FEMMINILE CLASSE 420:
http://www.cnsenigallia.com/index.php?pagina=Campionato+nazionale+femminile+classe+420


Si è concluso domenica scorsa nel primo pomeriggio il Campionato Nazionale Femminile Classe 420 con la sesta ed ultima delle nove regate previste in calendario. L’andamento delle regate è stato abbastanza lineare nel senso che sin dalla prima giornata i migliori tre o quattro equipaggi sono riusciti a portarsi in testa alla classifica provvisoria e poi, nelle due giornate successive, hanno ulteriormente consolidato la loro posizione.

Gli equipaggi senigalliesi hanno combattuto tenacemente fino alla fine ma hanno dovuto pagare il prezzo di un non sufficiente affiatamento causato dall’imprevista sostituzione di una componente in entrambe le barche avvenuta poche settimane fa. Inoltre, poiché ogni equipaggio può “scartare” un risultato negativo ogni quattro regate, il non averne disputate almeno otto ha impedito alle senigalliesi di eliminare un altro punteggio negativo, cosa che le avrebbe portate molto vicine al podio già alla fine della seconda giornata.

Nell’ultima giornata di regate, la Giuria, dopo aver fatto scendere in acqua le ragazze alle 10:30, a causa dell’instabilità del garbino, ha dato il via solo alle 14:30 e così non c’è più stato tempo per disputare le altre due prove previste.

Nel complesso l’importante manifestazione sportiva è riuscita perfettamente grazie all’ottima organizzazione del Club Nautico di Senigallia che è stato pubblicamente ringraziato dall’Assessore allo Sport sig. Gennaro Campanile durante la premiazione finale.

La classifica finale vede al primo posto Camilla Marino e Claudia Soricelli del CV Italia Napoli, al secondo posto Federica Wetzl e Marta Parladori della STV Trieste e al terzo posto Sara Amendola e Giulia Paolillo della LNI Bari.

I due equipaggi del Club Nautico si sono posizionati onorevolmente nella parte alta della classifica: 6° Serena Manfredi e Beatrice Frezza e 13° Lidia Mazzanti e Martina Pierpaoli su 27 barche.

A tutte le ragazze dei 27 equipaggi i miei ringraziamenti e le mie scuse per non essere stato alla loro altezza.

TO BE CONTINUED ......................

p.s. qualsiasi altro dettaglio, curiosità, foto ecc. ecc. a richiesta via mail !

domenica 5 ottobre 2008

CLASSIFICA FINALE PROVVISORIA CAMPIONATO NAZIONALE FEMMINILE CLASSE 420

1° Camilla Marino e Claudia Sorcinelli della STV Trieste
2° Federica Wetzl e Marta Parladori del CV Italia Napoli
3° Sara Amendola e Giulia Paolillo della LNI Bari

gli equipaggi senigalliesi si sono piazzati :
6° Beatrice Frezza e Serena Manfredi del CNS
13° Lidia Mazzanti e Martina Pierpaoli del CNS

HO VISTO COSE CHE VOI UMANI .................

ho visto il campionato femminile 420 ...........

ho visto meravigliose semplici ragazze sfinite riposarsi stese sull'asfalto del parcheggio ........

ho visto nel deserto del parcheggio e sotto un cielo scuro un paio di scarpine rosa aspettare da sole su una panchina ......

ho visto un tangone di metallo spezzato ..................

ho visto la testa e lo sguardo basso di un equipaggio che si era ritirato ...........

ho visto i lividi rossi sulle gambe e sui piedi nudi .....

ho visto uno spinnaker stracciato ...........

ho visto una selva di vele ...............

ho visto il groviglio dei carrelli sulla spiaggetta ........................

ho visto le dediche scritte a pennnarello sulle barche ................

ho visto, la sera a cena , lo sguardo delle ragazze incrociare quello dei ragazzi ............

ho visto padri e madri ............................................

ho visto skipper danzare sulla massicciata dell'avamporto e piangere di felicità a braccia alzate nel vento ...............

non avevo mai guardato così da vicino un campionato e soprattutto non avevo mai visto .........





DEDICATO ALLE RAGAZZE DEL CAMIONATO NAZIONALE 420

sabato 4 ottobre 2008

ULTIMISSIME DI FINE SECONDA GIORNATA DI REGATE DEL CAMPIONATO NAZIONALE FEMMINILE 420

nella foto la barca di Lidia Mazzanti e Pierpaoli Martina: molto carino e autoironico il nome (in realtà sono due ragazze decisamente toste!)


Oggi si sono disputate solo due regate del Campionato Nazionale Femminile perchè c'era un maestrale decisamente forte e, probabilmente, questo avrebbe messo a dura prova parecchi equipaggi.
Beh per quello che ho visto io c'era da prendersi una polmonite fulminante con quei 20 nodi e passa di maestrale, quello che "urla e biancheggia il mar" !!
I pochi che osservavano da terra se ne stavano ben al riparo da questo ventaccio!
Io non sarei uscito per tutto l'oro del mondo ! ;-)
L'organizzazione del Club Nautico ha retto egregiamente anche perchè tutti erano stati "precettati" : ho visto incredulo persini il notaio dr. Sgolacchia stare in mare per ore ...
Ma torniamo alle mie "protette" : dopo cinque regate Beatrice Frezza e Serena Manfredi sono seste mentre Lidia Mazzanti e Martina Pierpaoli tredicesime.
Entrambi gli equipaggi mantengono le posizioni conquistate ieri ma il gruppo delle tre quattro migliori si consolida al comando.
Alcuni equipaggi non hanno potuto terminare le regate di oggi per incidenti, rotture e disavventure varie.
Per conto mio dal basso delle mie 20000 miglia: MASSIMO RISPETTO A TUTTE LE RAGAZZE ! PIU' CHE ALTRO DELLE VERE "LEONESSE" !! (so che detto così può far sorridere ma la verità e che per me, fuori in mare, c'era l'inferno!).
TO BE CONTINUED .......................

venerdì 3 ottobre 2008

NEWS DAL CAMPIONATO NAZIONALE FEMMINILE CLASSE 420

nella foto un dettaglio del delicatissimo decoro delle due gentili veliste con cui mi scuso di non aver incluso i volti



Alla fine delle tre regate di oggi i due equipaggi senigalliesi sono nella parte alta della classifica!

Diciamo nel primo quarto su circa trenta equipaggi.

Non male!

Anzi, date le condizioni molto instabili dovute al garbino che rende più aleatoria la regata, sono sempre in gioco per il podio!

FORZA RAGAZZE !!
(Serena Manfredi e Beatrice Frezza e, Lidia Mazzanti e Martina Pierpaoli)

TO BE CONTUED ...............................

LIBRO DI BORDO CROAZIA 2008: DAY 3



Si va a Nord! Si ,ma come? Sorpresa: sbucando sulla faccia est dell’isola di Lussino e attraversando il ponte girevole che apre alle 9:00. Per essere più sicuro dell’orario metto la sveglia e procedo di conseguenza.
Arriviamo davanti al ponte, che si trova quasi attaccato al moletto della dogana, giusto con 15 minuti di anticipo e noto subito un gruppetto di barche che temporeggia in attesa di poter espletare le pratiche d’ingresso. Non posso trttenermi: è più forte di me! Mi avvicino sorridente alla barca più piccola e spiego allo skipper come può risparmiarsi un’ora di attesa abbordando la pilotina appena fuori dal recinto della dogana mentre i dodici metri aspettano.
L’entusiasmo dell’altro skipper è grande e sull’onda dell’emozione vuoto il sacco: sono un blogger di vela e mi puoi trovare facimente cercando “navigamus”. E’ fatta! Lo vedo sorridermi e annuire contento. Anche questa volta ho lasciato un segno. Ed anche una bella zaffata di incenso autoprodotto.
I l ponte si apre e quelli dalla mia parte sono più lesti ad infilarsi ed io mi accodo. Dall’altra parte mi aspetta un bellissimo panorama che non avevo mai osservato; piccolo inconveniente: purtroppo niente vento. Si prosegue a motore fino a Nerezine che viene raggiunta tranquillamente nel giro di un paio d’ore: ci piazziamo al comodo marina e do la libera uscita all’equipaggio!

TO BE CONTINUED ……………………………........
p.s. il post è dedicato a davide p. "cicciopettola" di http://www.caipirinhatopkapi.blogspot.com/

DAVIDE P. OVVERO "CICCIOPETTOLA"

Stamattina sono in vena di cazzeggio spinto e quindi ho architettato una trappola ai danni del simpatico blogger di cui sopra. Il fatto è che io so che lui sa in tempo reale quando sul mio blog esce un nuovo post e quindi .... gli tendo questo tranello........ Non appena si accorgerà che addirittura il titolo del mio nuovo post lo chiama in causa direttamente ... non potrà trattenersi dal venire qui a leggerlo ... e così scoprirà che ..... è solo uno scherzo e che non sono ancora riuscito a scrivere Croazia 2008 DAY 3 !! Ora che ho approfittato della sua contagiosa simpatia devo pagare pegno: MANTERRO' LA PROMESSA ...... questo pomeriggio pubblicherò il post sul terzo giorno in croazia !! Il problema è che cè il campionato nazionale assoluto femminile classe 420 qui a senigallia: oggi, domani e dopodomani !! Devo assolutamente seguirlo altrimenti il presidente del Club Nautico .... si offende ! ;-) ;-) E poi la "pressione "giornalistica" è a mille !
Oggi sono anche sulla carta stampata: Il Messaggero ed Il Corriere Adriatico che però hanno omesso di riferire nomi, cognomi, e link al blog ... pazienza .... e, nel pomeriggio, telefonate di malcelato disappunto !
Caro Davide spero che non me ne vorrai: è solo un gioco, uno scherzo, comunque sia invito tutti
i miei lettori a visitare il blog di Davide : http://www.caipirinhatopkapi.blogspot.com/ anche se ancora lo conoscono in pochi merita abbondantemente .........

giovedì 2 ottobre 2008

DOMANI A SENIGALLIA IL CAMPIONATO NAZIONALE ASSOLUTO FEMMINILE CLASSE 420 !!




Domani iniziano le nove regate del Campionato Nazionale Assoluto Femminile Classe 420 organizzato dal Club Nautico di Senigallia in collaborazione con la Federazione Italiana Vela. Le competizioni si articoleranno su tre giorni fino a domenica prossima quando sarà stilata la classifica finale.

L’importante evento sportivo è organizzato dal Club Nautico con la collaborazione della Federazione Italiana Vela ed il patrocinio del Comune di Senigallia, della Provincia di Ancona e della Gestiport.

Le regate vedranno la combattiva partecipazione di circa una trentina tra i migliori equipaggi femminili compresi i due del Gruppo Agonistico del Club Nautico composti, il primo da Serena Manfredi e da Beatrice Frezza e, il secondo, da Lidia Mazzanti e Martina Pierpaoli.
.
I due equipaggi che portano i “colori” della nostra città per l’occasione sono stati preparati con uno stage tenuto dai fratelli De Felice molto esperti nella tattica e nella strategia di regata.

Non resta che fare il tifo: FORZA RAGAZZE !!
E CHE RAGAZZE !!
TO BE CONTINUED ..............................................

Località della Croazia: Valalta




Valalta è un marina estivo nell’Istria centrale situato poco più a sud di Vrsar - Orsera: posizione Lat 45°07’,6 N e Long 13°37’,2 E. E’ proprio all’entrata del Canale di Leme che è una specie di “fiordo” naturale lungo parecchie miglia e molto bello da visitare anche se oggi è navigabile solo in piccola parte a causa degli allevamenti ittici. C’è anche un campeggio con 5000 posti. La particolarità del posto è che è completamente riservato a nudisti e naturisti.

Ci capitai per caso anni fa e appena terminato l’ormeggio mi accorsi che c’era qualcosa di “strano”. Tutti gli equipaggi sulle barche se ne stavano completamente nudi! Scendiamo a terra in banchina e subito un grosso cartello ci avverte perentoriamente che si può oltrepassare il limite solo nudi!


Visto che nessuno ci conosceva e che comunque dovevo consegnare i documenti della barca e fare la spesa … convinco Miki a stare al gioco e in costume adamitico ci rechiamo alla reception e al market. Poi anche in spiaggia, al moletto per qualche tuffo ecc ecc. insomma c’eravamo ambientati bene!

Vicinissima, quasi attaccata c’è la bella baia Soline.

TO BE CONTINUED ………………….

sabato 27 settembre 2008

VITA DA BLOGGER

C’era una volta ( circa 8 mesi fa) un piccolo ed oscuro blogger di vela (io) che aveva iniziato da poco a praticare questa nobile arte non senza difficoltà e commettendo i suoi primi bravi pasticcetti sul web. Erano già passati alcuni mesi da quando si era lasciato incautamente prendere la mano da questo bel gioco e fino ad allora si era applicato con una certa costanza nel pubblicare 3 o 4 post alla settimana.

Aveva anche ottenuto ,grazie ai servigi di una sua collega, di poter controllare e monitorare il suo blog al fine di conoscere la numerosità e la provenienza dei visitatori. Come previsto solo i suoi tre amici tre passavano saltuariamente a trovarlo sul web. I pochissimi altri ci passavano per sbaglio restando sul sito molto meno di una manciata di secondi.

Un bel giorno di otto mesi fa mentre se ne stava online chiuso in barca rannicchiato nella fredda oscurità della sua umida cuccetta un raggio di luce lo colpì: nel monitor del computer, in basso a destra, era apparsa una finestrella di messenger che recitava all’incirca “tizio@ ti ha inserito come contatto vuoi ricambiare?”.

Qualcosa scattò nella residua manciatina di neuroni ….. Ma se qualcuno si è preso il disturbo di prelevare la mia mail dal blog e di trasformarla in contatto messenger …….Capì che non era più solo! In un lampo accettò l’invitante proposta della sconosciuto “fan” del blog e lo inserì tra i contatti. Poi iniziò ad indagare sull’identità del soggetto in questione.

Seguendo le tracce si poteva arrivare ad uno scarno profilo splinder da cui si capiva che doveva trattarsi di qualcuno molto giovane che risiedeva in campania. Una sottile soddisfazione stava per impadronirsi di lui per questa “brillante” novità quando si sorprese in una smorfia di insofferenza: perché avrebbe dovuto SUBITO inviargli una mail? Che fretta c’era? In fondo non lo conosceva neanche!

Nella sua psiche contorta stava iniziando a prendere forma un qualche “piano”: avrebbe aspettato! Ma si! Gli avrebbe dato tempo di conoscerlo e ci sarebbero state molte occasioni di contattarsi in futuro! Ma torniamo a bomba al presente.

Proprio ieri il nostro eroe se ne stava bello bello nella sua barchetta, e come al solito online e bloggante, quando improvvisamente di nuovo quel raggio di luce si è acceso. Era l’occasione che stava aspettando da così tanto tempo che quasi se ne era dimenticato!

E fu così che chattò con MAURO per ben un’ora!


TO BE CONTINUED …………. CON UN POST DI PRESENTAZIONE DE MIO AMICO MAURO !!

venerdì 26 settembre 2008

Località della Croazia: Vrsar - Orsera



Vrsar - Orsera (1500 abitanti) è una bella località turistica dell’Istria centrale situata poco più a sud di Porec - Parenzo: posizione Lat 45°09’,2 N e Long 13°36’,5 E. C’è il marina e c’è il porto, in genere la località è frequentata e animata.

Si possono trovare parecchi negozi e ristoranti vari (insolitamente buono quello del marina) incluso rifornimento di carburante. Poche miglia più a nord ci sono alcune baiette. La città vecchia ha ancora alcuni edifici interssanti dal punto di vista artistico e storico.

Interessante la chiesetta romanica del XII secolo della Madonna del Mare.
DA NON PERDERE.

TO BE CONTINUED ………………….

mercoledì 24 settembre 2008

Libro di bordo Croazia 2008: Day 1 e 2


Nel primo pomeriggio del 14 agosto scorso, alle 14:30, io, miki, shan e roberta salpiamo da Senigallia per la traversata verso Lussino: rotta 42° distanza 72 miglia. La partenza è stata anticipata di un giorno per dribblare un peggioramento del tempo che è in arrivo per l’indomani. Il vento è debole e perfettamente contrario, il mare poco mosso; iniziamo a bordeggiare poco convinti ed infatti dopo due ore constatiamo sconsolatamente di essere appena fuori costa e decidiamo di dare motore.
Procediamo a motore fino alle 20:30 quando, come da mia personale tradizione, issiamo le vele per godere del silenzio e del crepuscolo mentre ceniamo con pollo arrosto e relative patate (tecnica di navigazione rosticcera), il tutto innaffiato da un rosso discreto. Siamo fortunati: il vento è girato a levante e, nonostante io sia solito tollerare qualsiasi fuori rotta durante la mezz’ora della cena, ci porta favorevolmente verso la metà. Decidiamo i turni: shan e miki dalle 22:00 alle 02.00 e poi io dalle 02:00 alle 06:00 e si continua a vela a circa 5 nodi che è una bellezza.
All’alba avvistiamo Susak e nel giro di poco più di un’ora individuiamo l’entrata della baia di Lussino che ci accoglie alle 07:30. Ci dirigiamo verso il piccolo molo della dogana dove ho l’occasione di far valere la mia esperienza: il moletto è tutto occupato e davanti gironzolano tre o quattro unità da diporto sui 12 metri in attesa di poter fare le pratiche. Mentre il mio equipaggio inizia a lamentarsi per il tempo che dovremo perdere adocchio una piccola pilotina di 6 metri ormeggiata appena all’esterno del cancello del molo della dogana (tecnicamente non potrei accedervi se non dopo aver fatto dogana) e ordino l’arrembaggio! Detto e fatto in cinque minuti guadagno un’ora sotto lo sguardo incredulo delle altre barche che aspettano il loro turno a debita distanza.
Una vota sistemate tutte le formalità ci avviamo verso il marina principale che purtroppo è pieno; anche l’altro marina è al completo complice il ferragosto. Inizia quindi la caccia al peschereccio che viene individuato: nel giro di un’ora ci piazziamo e ci avviamo verso un ristorante in paese. Nel pomeriggio il tempo inizia a peggiorare come da previsioni confermate alla bacheca del marina e l’ormeggiatore della baia che comunque riscuote 20 euro per l’ormeggio al peschereccio ci consiglia di mettere la prua al vento e ci aiuta a mettere uno spring in funzione di un colpo di bora o di tramontana.
Iniziano a sentirsi i tuoni il cielo sempre più carico di nuvoloni neri ….. ordino di indossare le cerate e attendiamo il peggio. Purtroppo non c’è limite al peggio: entra un grosso colpo di vento (neverino) giusto dal mio fianco sinistro! E’ un vero casino: nel giro di 5 minuti la baia è sferzata da 20 o 30 nodi di maestrale accompagnato da pioggia battente. Altri 10 minuti e sopraggiunge il proprietario del peschereccio che, mostrandoci tutte le altre barche che stanno abbandonando precipitosamente le posizioni più precarie come la nostra, ci convince a mollare.
Appena in tempo perché le piccole e ripide onde iniziano a spingerci troppo sulla fiancata facendo lavorare terribilmente i parabordi: un paio di raffiche più robuste inclinano sensibilmente la barca e mettono pericolosamente sotto pressione due candelieri . Non c’è più tempo da perdere: dobbiamo andarcene ed in fretta! Ci sganciamo dal peschereccio non senza problemi e ci avviamo verso il centro della baia dove ci “uniamo” a varie decine di barche che vagano tenendosi a debita distanza tra loro.
Col passare dei minuti mi convinco che si tratta di un neverino e che quindi non ci resta che tenere duro per un’oretta al riparo nella grande baia (varie miglia quadrate) che nel frattempo si è trasformata in una superficie biancheggiunte di centinaia di creste su alterttante onde sul mezzo metro o poco più; il tutto sotto lo scrosciare della pioggia battente. Nel giro di poco più di un’ora siamo di nuovo ormeggiati al solito pescherccio solo un po’ frollati! Ronfata notturna con almeno un orecchio ai rumori sospetti.
L’indomani il tempo è in leggero miglioramento e ci concediamo l’intera giornata libera con visita della città in lungo e in largo. Dopo cena, finalmente rinfrancati dal miglioramento delle condizioni meteo, performo in uno dei miei migliori “pezzi” : mi calo nella parte del Comandante ed evoco lo spirito di Joshua Slocum che mi guidi nella lettura dei Sacri Libri e delle Segrete Carte! In un’appassionante seduta di esoterismo nautico riprogetto completamente tutta la crociera capovolgendone l’impostazione iniziale stabilita a tavolino a Senigallia (non senza il consenso della ciurma).
Domani si salpa e si va a Nord !
TO BE CONTINUED ………………….

video

P.S. ringrazio miki, mio "secondo" per aver girato il video MOLTO VELOCEMENTE!!