lunedì 30 novembre 2009

Intervista al navigatore solitario Giancarlo Pedote (4° alla Transat e 2° ranking mondiale MINI 6,50 serie)







VELA - IMPEGNATIVA PROVA CON 20/25 NODI DI VENTO A RIVA DI TRAIANO


29 novembre - Una bella impegnativa regata, quella di oggi a Riva di Traiano, con la flotta di 74 barche che ha dovuto affrontare difficili condizioni di mare e un vento particolarmente intenso sui 20/25 nodi, che ha messo a dura prova la perizia degli equipaggi che hanno coperto un percorso a bastone lungo 9,4 miglia (categoria regata) e 4,35 miglia (categoria crociera e gran crociera).Grande soddisfazione per Marco Paolucci che, al timone del suo Comet 45S “Libertine”, ha conquistato il 1° posto nella classifica IRC e il 2° posto nella classifica ORC. Dietro a lui si è piazzato “Er Cavaliere Nero”, il First 45 di Paolo Morville (solo 6° in classifica ORC), mentre terzo oggi è stato “Mr. Hyde”, Mumm 36 di Dudi Coletti.Al termine delle due prove disputate primi in classifica IRC “Libertine” a pari punti con “Er Cavaliere Nero”, terzo “Ars Una”, Adria 49 di Vittorio Biscarini.Primo in classifica ORC il 43’ “Black & White” di Pino Stillitano, secondo “Libertine”, terzo “Ars Una”. Ricordiamo che l’Invernale di Riva di Traiano, in base alla sua competitività, livello e numero di partecipanti, è stato selezionato dall’ORC, in accordo con l’Unione Vela d’Altura Italiana, per una interessante novità: i primi 3 classificati del Campionato, di ogni raggruppamento, verrano ammessi di diritto al Campionato Europeo 2010 che si svolgerà in Sardegna. Nella categoria Gran Crociera prosegue il successo incontrastato di “Twins”, Hanse 430 di Francesco Sette, (che quindi è primo in classifica generale dopo 2 prove disputate). Secondo oggi “Asteria”, Este 39 di Alessi/Proli, terzo “Mamiblu”, Grand Soleil 43 di Gennaro Tozzi. In classifica generale, secondo “Mamiblu” e terzo “Asteria”.Nella categoria Crociera seconda vittoria per “Igarapè”, Sun Odyssey 43 di Marino Zigrossi; ancora un secondo posto per “Antico Toscano”, Grand Soleil 40 di Muraro, mentre terzo oggi è “Sebastian”, Grand Soleil 343 di Leonardo Petti. La classifica generale dopo 2 prove disputate vede così in prima posizione “Igarapè”, seguito da “Antico Toscano” e da “Don Pedro”, Bavaria 34 di Francesco Pelaia.

GRANDE FESTA DI FINE STAGIONE PER IL CIRCOLO VELA GARGNANO


Gargnano (lago di Garda) – Le sale della Club House del Circolo Vela Gargnano hanno ospitato, come tradizione, la riunione conviviale nel corso della quale sono stati festeggiati gli skipper che nella stagione 2009 hanno conquistato traguardi e piazzamenti in regate nazionali ed internazionali. La serata era tra l’altro dedicata alle iniziative legate all’Associazione Bambino Emopatico che opera all’interno del reparto di onco-ematologia dell’Ospedale dei Bambini di Brescia. Ricco era il parterre degli ospiti in rappresentanza di istituzioni del mondo sportivo (Coni, Federvela, Federazione Internazionale delle Paralimpiadi), i presidenti dell’Associazione Nautica Sebina del lago di Iseo, la Canottieri Garda di Salò, il Circolo Nautico di Portese, i Diavoli Rossi di Desenzano, il Cvt Maderno, il progetto di vela terapia "Hyak onlus", il consorzio di Coppa America “Green Comm Challenge”, il consorzio degli operatori turistici della "Riviera dei Limoni", le istituzioni amministrative, dal Consiglio della Regione Lombardia alla Provincia, idealmente rappresentate dal sindaco della cittadina gardesana Gian Franco Scarpetta. A fare gli onori di casa è stato il presidente Lorenzo Rizzardi che ha, tra l’altro, presentato il suo nuovo consiglio. Ad affiancarlo c’erano i past presidents Andrea Damiani, Luciano Galloni e Luciano Lievi. Il successo più prestigioso (e significativo) della stagione è stato quello meritato da Giulio Comboni e Pier Omboni, che con i velisti non vedenti Gigi Bertanza ed Elisa Bardella, hanno conquistato il Campionato Mondiale Isdf (formula assistita) in Nuova Zelanda. Significativo perché la formula “Autonoma” del progetto gardesano Homerus esordirà con il suo primo mondiale (riconosciuto ufficialmente dal movimento Paralympico) nel giugno del prossimo anno proprio a Gargnano. Tornando ai premiati, un titolo Europeo, nella agguerrita e vivace classe Fun, è arrivato a Gargnano grazie all’armatrice Sara Poci, prima anche nel tricolore 2009 con il suo “Piccola Peste”. Pier Omboni (timoniere) e PierGiorgio Zamboni (armatore) hanno, a loro volta, vinto il Campionato tricolore dell’Asso 99, Giorgio Zorzi nel suo equipaggio Sara Poci) si è laureato campione nazionale con l’E 22, Lorenza Mariani (che in regata corre per i colori del Vela Club Campione) si è imposta nel Campionato Italiano del Match-race femminile, nuova disciplina olimpica, l’armatore Sandro Vinci con “Extra” ha ottenuto un brillante terzo posto al Campionato d’Europa Orc in Croazia, meritando il secondo posto di classe alla Barcolana con “Bravissima-Vibatex”; Maurizio Vigini ha scorazzato in Adriatico, ottenendo vari successi e piazzamenti, con l’Ufo “Poison”. Il titolo di campione sociale è andato ad Oscar Tonoli mentre un bellissimo modellino della classe Star è stato consegnato a Mario Dominici, animatore della flotta di Gargnano della bellissima carena olimpica.Un lungo applauso ha salutato la nascente “Olimpiakos Bogliaco” del singolo Laser, mentre i giovanissimi sono stati premiati dagli istruttori Mara Trimelloni, Donatella Ferrari e Gian Carlo Ballarini. I ragazzi che hanno animato le flotte di Optimist, l’Equipe, rs Feva e Tera sono stati: Vittorio e Guido Gallinaro, Anna e Giacomo Giambarda, Martina Capuccini Cozzaglio, il doppio del 420 Paolo Virgenti e Luca Silvioli, Gianluca Virgenti, Loris Samarati, Matteo Martinelli, Luciano Andreoli, Maria Vittoria Moglia, Andrea Dall’Ora e Giuseppe Ginepro. L’attività del Circolo Vela Gargnano non si ferma in inverno. Il prossimo 19 dicembre si correrà sul mare di Rimini la “Cento Cup-Trofeo Il sole mio Energy”, prima tappa dei “Diamon Events”, gli eventi di diamante per i 60 anni della Centomiglia.

VELA - INVERNALE DEL TIGULLIO: SUGLI SCUDI CHESTRESS2 E LOW NOISE


29 novembre - La pioggia e il maltempo non frenano il Campionato Invernale Golfo del Tigullio: prosegue così la 34° edizione della kermesse organizzata dal Comitato Circoli Velici Tigullio con il supporto di Comune di Lavagna, Porto di Lavagna spa e Quantum Sail Design Group.La seconda giornata inizia con qualche ora di ritardo e il via del presidente del Comitato di Regata Ettore Armaleo arriva poco mezzogiorno: è spettacolo con oltre quaranta barche in acqua anche se per motivi di sicurezza non gareggiano i J80. Chestress2 domina la classe ORC-A ed è l’ennesimo successo in questa stagione invernale per Giancarlo Ghislanzoni (Yacht Club Italiano) mentre in seconda posizione si piazza Jonathan Livingston (Giorgio Diana-CN Lavagna) e in terza Despeinada di Italo Borrini. L’IRC-A mantiene le prime due posizioni, in terza si assesta Marco Fantini con il suo Jam. Nella ORC-B cin cin per Low Noise di Giuseppe Giuffrè (YC Chiavari) con sorpresa Fletcher Christian al secondo posto davanti a Sea Whippet. Low Noise primo anche nell’IRC-B dove cambiano gli altri due gradini del podio: piazza d’onore per Fremito D’Arja (Marcello De Gaspari), terzo posto per El Chico (Daniele Fogli). Nelle classifiche Overall ORC e IRC, resta immutata la leadership di Chestress 2, seguita sempre da Low Noise. “Complimenti a Chestress2 e Low Noise per esser stati nuovamente protagonisti ma complimenti davvero a tutti per essersi battuti con grande determinazione nonostante le difficili condizioni meteo” è il commento del deus ex machina dell’Invernale Franco Noceti.

VELA - STAR: CAMPIONATO SUDAMERICANO


Rio de Janeiro (Brasile), 27 novembre - Iniziata la corsa al Mondiale Star di Rio de Janeiro (12-23 gennaio), una delle regate più attese della prossima stagione. A Rio è infatti in corso il Campionato Sudamericano della più vecchia delle classi olimpiche. Sono ben 62 gli equipaggi in regata, con un altissimo livello medio. Dopo le prime due prove guida la classifica l'idolo di casa, Torben Grael che, con il fido Marcelo Ferreira a prua, ha ottenuto due quinti posti. Grael precede i tedeschi Bohendererde-Jacobs (3-8), gli svizzeri Marazzi-De Maria (8-4). Robert Scheidt e Bruno Prada sono quinti (15-2), mentre l'altro Grael, Lars, è sesto (11-6).Per l'Italia regatano Boggi-Colaninno, 37esimi, e Fornaro-Capociuchi, 48esimi. Domenica la conclusione.

domenica 29 novembre 2009

C.N. Santa Margherita - quarta giornata campionato autunnale


Oggi sabato 28 novembre sono state disputate due prove, valide per il Campionato Autunnale del CNSM, organizzato in collaborazione con Marina 4, Darsena dell’Orologio e Prosecco Serre e per la Coppa delle due Lagune. Un vento da sud-ovest, tra i cinque e sette nodi, ha infatti consentito di correre i recuperi in programma.

Alla testa della flotta, in IRC blocca A classe 1, le classifiche provvisorie vedono l’imbarcazione di casa Città di Grisolera di Franco Daniele, seguita dal G.S. 46 Oscar+ di Aldo Parisotto e Luna per te dello Sporting Club Due Vele. In classe 2 protagonisti indiscussi il J109 Sagola 60 di Massimo Minozzi, seconda piazza per il Bonin 31 Volare e terza per lo scafo sloveno Anteros 36.

In classe B, a percorso ridotto, si impone 10x10 di Sandro Fabbro, seguito da First of All di Manuel De Faveri e da Alma di Ivano Zaia. In classe Minialtura, primo e terzo posto appannaggio delle imbarcazioni CNSM: El Moro di Graziano Manfrè e Splash di Fabrizio Pigatto, secondo posto per il Melges 24 Arkanoè Aleali di Claudio Caramel.

Tra i Meteor si impone Panita di Gianni Pappagallo su Pio Pio di Rino Perencin e Let’s Go di Morgan Feltrin. Nei Sonar vittoria per Andromeda, timonata dal paraolimpico Marco Collinetti. Domani, al termine delle prove, presso la Club House del CNSM, verranno premiati i vincitori delle classi IRC e Libera iscritte al Campionato Autunnale CNSM e alla Coppa delle Due Lagune-Trofeo Panathlon.

Società Canottieri Garda Salò: la carica dei 257 e l'identità della Società


Eravamo in 257 sabato 21 novembre, tra soci, atleti e autorità alla Cena Sociale che ha celebrato i 118 anni di vita della Canottieri. Sotto l'attenta regia di Ivan Carè e Lucio Bandini, la serata si è aperta in modo spettacolare: luci in sala che si spengono, la musica che riempie il buio e due nostre 'stelline' - Claudia Marzollo e Viola Zanotti - che entrano ballando tra i tavoli, con la bandiera della società sulle spalle; subito dopo, la 'marcia degli atleti', i 90 ragazzi e ragazze della Canottieri che entrano di corsa uno dopo l'altro, tutti con la medesima t-shirt a celebrare l'evento, tutti con una candela che sprizza una fontana di luce, tutti che salgono sul palco a ricevere l'applauso invocato dall'addetto stampa Sandro Pellegrini, nelle vesti del conduttore per l'occasione.

Incentrato sulla 'Identità della Società' il discorso del Presidente Giorgio Bolla. "Confesso. Sono emozionato" è stato il suo debutto. "Perché si pratica lo sport a livello agonistico? Perché dietro ad ogni atleta c'è un sogno: il sogno di vincere, di primeggiare. E questo è un motore potente che spinge l'atleta a migliorare continuamente, a scoprire il proprio limite e valicarlo, ad accettare la sfida, ad accettare anche di essere sconfitti, a volte di prendere delle batoste e di sapersi rialzare. In una parola: nella competizione, l'atleta dà il meglio di sé - e nel fare questo, scopre che c'è un gusto, l'atleta ci prende gusto e vuole farlo ancora e meglio.

Ma in questo, la società sportiva ha una missione: tutti, a partire dal presidente, i suoi consiglieri, i revisori, i direttori sportivi, gli allenatori, gli aiuti allenatori, chi lavora in piscina, chi lavora in porto, chi è in segreteria, tutti quanti devono agire come un unico atleta.

Perché agendo come un atleta, anche la società si migliora continuamente, scopre il proprio limite e cerca di superarlo, accetta le sfide e si rialza dalle batoste; e nel far ciò anche la società ci prende gusto, e vuole farlo ancora e meglio.

Perché, vedete, come potremmo chiedere ai nostri ragazzi di dare il meglio di sé, se noi per primi non facciamo altrettanto? Questa è l'identità della società, della Società Canottieri Garda Salò."

Il Sindaco di Salò, l'avvocato Barbara Botti, ha ricordato che è stata per anni atleta del nuoto in Canottieri, e che proprio la pratica dell'agonismo "mi ha insegnato cose importanti: l'impegno, la disciplina, il rispetto delle regole", tutti elementi che poi "rimangono e nella vita servono, a livello professionale, ed anche per diventare sindaco. Chissà che proprio tra questi ragazzi non ci sia il sindaco di Salò del domani!"

Attilio Maroni, insieme a Cesare Franchini responsabili della sezione Canottaggio, ha lanciato la sfida: "Cesare ed io siamo i 'veterani' in società; credete che siamo qui per rilanciare il canottaggio o per affondarlo? Quest' anno sono entrati in squadra atleti di un certo livello, che prima militavano in altre società e questo perché, grazie al nostro allenatore Norberto Mondini, stiamo diventando un centro di riferimento nella remata di punta: ebbene, puntiamo dopo anni ad un titolo assoluto!"

Il Vicepresidente Marco Maroni ha introdotto le premiazioni, ricordando come rappresentino il momento più importante della serata, l'occasione per la società di tributare di fronte ai soci il giusto riconoscimento agli atleti che più si sono distinti nel corso della stagione agonistica appena terminata; ha inoltre comunicato che nel corso dell'anno è stata completata l'organizzazione delle attività sportive con l'entrata a pieno regime della figura del direttore sportivo nella persona di Mino Miniati, coadiuvato, per il nuoto dal direttore della piscina Beppe Chiappini il quale, chiamato sul palco, ha ricordato le molte attività sportive, agonistiche e didattiche che si svolgono presso la piscina "Due Pini", ringraziando tutto lo staff.

sabato 28 novembre 2009

riVELArsi onlus


riVELArsi è un’associazione Onlus nata dal sogno di poter condividere la nostra passione per la vela e per il mare con coloro che per motivi fisici, psichici, familiari o sociali, sono un po’ meno fortunati.

Mare e vento sono da sempre sinonimo di libertà; essere liberi significa non essere più prigionieri di se stessi, della propria disabilità, delle proprie paure, dei propri limiti.

Andare in barca significa poter vivere questa libertà insieme.

Solcare le onde del mare è come viaggiare nel tempo, osservando la costa da un'altra prospettiva, una terra che diventa sempre più piccola andando verso il mare aperto, ed anche i nostri problemi sembrano diventar sempre meno importanti per lasciar spazio all’immaginazione.

E’ un dialogo tra il vento, le vele, le onde e le nostre voci, non ha più importanza la bellezza o la perfezione del nostro corpo e neppure la logica del discorso, ciò che conta davvero sono le sensazioni, le emozioni, l’essere un gruppo che naviga nella stessa direzione, verso il medesimo obiettivo, un equipaggio in cui ognuno è indispensabile.

Condividere esperienze, imparare a conoscersi per comprendere che ciò che spesso pensiamo possano essere i nostri limiti, in realtà sono le nostre migliori virtù.

Associazione riVELArsi Onlus - www.rivelarsi.it - info@rivelarsi.it
Via dei Pioppi, 15 Pino Torinese (TO) - Fax:011 8112409 - cell 338 7390137.

VELA: PRESENTAZIONE DELLA 20a IMPERIA WINTER REGATTA


La manifestazione dello Yacht Club Imperia verrà presentata il 1° dicembre 2009 alle ore 11.30 nella Sala Giunta del Comune di Imperia

Imperia, 26 novembre 2009 – La 20a edizione dell’Imperia Winter Regatta, la manifestazione organizzata dallo Yacht Club Imperia dal 3 all’8 dicembre, verrà presentata ufficialmente alla stampa il 1° dicembre 2009, alle ore 11.30 nella Sala Giunta del Comune di Imperia, alla presenza del presidente Y.C. Imperia, Riccardo Guatelli, dell’event manager Luigi Rognoni e delle autorità.

Come sempre IWR rappresenta non solo un importante momento agonistico per la vela giovanile, ma anche un appuntamento importante per tutto il capoluogo del ponente ligure.

Mano a mano che si avvicina la data dell’inizio delle regate il numero di iscrizioni continua a crescere, sono già quasi 300 gli equipaggi iscritti in rappresentanza di 27 nazioni: Austria, Belgio, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Lituania, Monaco, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Russia, San Marino, Singapore, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ucraina, Ungheria.

Già numerosi atleti da diversi giorni – oltre una quarantina inclusa la squadra nazionale norvegese – sono presenti per allenarsi e provare il campo di Imperia e le banchine di Oneglia sono già affollate di barche.

Anche quest’anno gareggeranno le classi Laser (maschile e femminile) e Laser Radial, 420 (open e femminile), 470 (maschile e femminile), 29er, L’Equipe, con l’aggiunta della classe Byte CII (maschile e femminile) la deriva singolo che verrà utilizzato nel 2010 per le Olimpiadi Giovanili – Youth Olympic Games (velisti nati negli anni 1994 e 1995 e di peso non superiore a 75kg). In occasione di IWR la classe Byte CII disputerà il Campionato Europeo di classe, regata valida anche come selezione per la gara di Singapore in programma la prossima estate.

venerdì 27 novembre 2009

VELA Altura- Kryos firma la Coppa d’Oro Savino del Bene 2009


Viareggio/Pisa/Livorno. L’ambita Coppa D’Oro Savino del Bene che dal 1970 ad oggi è stata conquistata dai principali protagonisti della vela d’altura toscana (fra i quali Mabelle, La Meloria, Puma, Pig Pen, Seminole, Quarto di Luna, Testa e Lische, Marrakesh Espress, Gaia, e lo scorso anno Scamperix), da domenica scorsa è nelle mani di Giancarlo Campera, armatore e timoniere pisano di Kryos. Il Grand Soleil 37 portacolori della Lni Viareggio e invelato con il nuovo sistema BE3 realizzato dalla Be1 Sails (caratterizzato dal metodo dilaminazione dei fili continui completamente rinnovato, e materiali comecarbonio e kevlar combinati con una rete triassiale in Vectran) si è, infatti, aggiudicato l’edizione 2009 del tradizionale appuntamento organizzato consuccesso dallo Yacht Club Livorno e articolato su due prove. La prima regata valida era stata disputata nelle acque labroniche domenica 10 ottobre e aveva dato il via al Campionato Invernale d’Altura, quarta ed ultima tappa del Campionato Toscano 2009, il circuito itinerante riservato alle classiOrc, Irc e Libera organizzato dal Comitato Circoli Velici Toscani (composto dalCircolo Nautico Livorno, dal Club Nautico Versilia, dalle LNI sez. Viareggio ePisa, dallo Yacht Club Livorno e dallo YC Repubbliche Marinare Pisa). La forte pioggia e le avverse condizioni meteo marine della giornata precedente avevano, invece, costretto il Comitato Organizzatore a rimandare la manches d’apertura al 15 novembre. Domenica scorsa, 22 novembre, presso le sale dello Yacht Club Livorno, si è, quindi svolta la premiazione conclusiva della Coppa d’Oro Savino del Bene 2009con la tradizionale cena per i regatanti e, grazie alla splendida affermazione in Overall e nella classe Irc nel recupero di domenica 15, Kryos, che si era già aggiudicato la vittoria nel Raggruppamento B della Classe Irc e il secondoposto nella Classifica Overall il 10 ottobre, ha conquistato la prestigiosa Coppa e la possibilità di scrivere il proprio nome sulla targa che resterà nella storia della manifestazione. A bordo di Kryos, oltre a Giancarlo Campera, sono stati impegnati Marco Giannoni (tattico), Marco Bianucci (randa), Francesco Agostini (tailer 1), Marco Mallegni (tailer 2), Stefano Galli (tailer 3), Alessandro Lucchesi (controtailer), Alessio Pardini (albero), Andrea Serpi (prua), Maya Bach e Luigi Vannozzi. Il Comitato di Regata è stato presieduto da Pier Maria Giusteschi Conticoadiuvato da Luigi Rocchi e Walter Raffaelli. Domenica prossima, sempre nelle sale dello YC Livorno si svolgerà lapremiazione finale del Campionato Invernale Toscano di Vela d’Altura 2009 edell’intero circuito, il Campionato Toscano 2009.

VELA - C.N. Santa Margherita recuperi e conclusione campionato autunnale


Si avvia alla conclusione il Campionato Autunnale del CNSM, organizzato in collaborazione con Marina 4, Darsena dell’Orologio e Prosecco Serre.
Sabato 28 sono in programma i recuperi, domenica le regate conclusive.
Molto agguerriti gli equipaggi, che sperano di rifarsi della mancanza di vento della settimana scorsa e per l’occasione hanno potenziato il pozzetto.
Oltre a Dario Malgarise tattico di Luna per te e a Cesare Bressan timoniere di Città di Grisolera, sabato ci saranno altri due nomi noti della vela nazionale: si tratta di Lorenzo Bodini, olimpionico classe Tornado e Campione del Mondo ORC in carica che sarà a bordo di Anteros 36 e di Bruno Zirilli, fresco vincitore nel ruolo di navigatore a bordo di Azzurra alla Louis Vuitton Trophy di Nizza, su Mucillaginerosa.
Domenica 29 al termine delle prove, presso la Club House CNSM, verranno proclamati i vincitori delle varie classi IRC e Libera. Saranno premiati anche i partecipanti alla Coppa delle Due Lagune e verrà assegnato il Trofeo Challenge Panathlon.

Azzurra e il Louis Vuitton Trophy: l’emozione della vittoria su Dahlia Tv


Dopo 26 anni Azzurra torna prepotentemente alla ribalta conquistando il Louis Vuitton Trophy Nice Cote d'Azur. A bordo un team a tutto italiano. Le telecamere di Dahlia Tv hanno catturato ancora una volta le immagini salienti di una vittoria autorevole, i momenti cruciali e le scelte tattiche decisive che saranno trasmesse domani Venerdì 27 novembre alle 19.15 sul canale sport di Dahlia Tv, nel corso di uno Speciale Onboard Magazine di 26 minuti, interamente dedicato all’impresa dell’equipaggio azzurro.
Ai microfoni di Dahlia Tv le voci e i volti dei protagonisti: Francesco Bruni, Tommaso Chieffi, Stefano Rizzi e Dede De Luca raccontano le emozioni e l’orgoglio di un risultato che ha gia’ un posto nella storia della vela italiana.
Onboard Magazine Speciale Azzurra sul canale sport di Dahlia Tv Venerdì 27 novembre alle 19.15.

VELA - XX Campionato Autunnale d’Altura Circolo Nautico NIC


Domenica 22 Novembre si è svolta la terza giornata del XX Campionato Autunnale organizzato dal Circolo Nautico NIC di Catania. La giornata si è presentata sin dai primi momenti con un vento leggero di circa 7-6 nodi proveniente da Ovest-Nord-Ovest non ben disteso sul campo di regata. Questa condizione meteorologica faceva prevedere una regata molto tecnica e di difficile interpretazione per i tattici delle imbarcazioni in gara ed in effetti così è stato.
Partivano prima i partecipanti alla categoria Crociera/Regata ed in partenza si distingueva subito Buricchia Kammelasoru di Emaldi che riusciva a partire in piena velocità nelle vicinanze della barca giuria e si districava con grande abilità fra le imbarcazioni più grandi della categoria. Già dalla prima bolina si mettevano in luce quelli che poi sono stati i protagonisti della regata. Fra questi da menzionare l’ottimo comportamento di Tresamis di Sichel che riusciva a interpretare bene la bolina fra i diversi buchi di vento e, sul lato destro del campo di regata, riusciva a passare fra i primi la prima boa di bolina. Al primo posto in tempo reale alla prima boa passava però l’imbarcazione più grande della flotta, quel Zenhea Takesha di Lia che dimostrava di trovarsi notevolmente a suo agio nel vento leggero e dimostrava di avere una velocità veramente considerevole rispetto alle altre imbarcazioni in regata. Seguivano i due battistrada Squalo Bianco di Costa, Vag 2 di Galassi e Harahel di Di Mauro. Non brillava in questa occasione Flan O’B di Longo, che era stata la sorpresa maggiore delle precedenti prove del Campionato Autunnale. Pagava infatti la pessima partenza ed una velocità con vento leggero non esaltante. Fra le imbarcazioni più piccole della Crociera/Regata, solito dominio di Buricchia Kammelasoru di Emaldi che passava molto avanti ai suoi concorrenti nonostante un bordo troppo insistito sulla sinistra in prossimità della boa.
Nella poppa Zenhea Takesha di Lia perdeva parte del suo vantaggio iniziale e i suoi concorrenti si avvicinavano pericolosamente. Il vento inoltre tendeva a diminuire di intensità e quindi l’ottima Giuria presieduta da Enrico Alberino decideva di sospendere la regata alla fine della seconda bolina dei Crociera/Regata. Vinceva nettamente quindi Tresamis di Sichel che mostrava dei notevoli progressi rispetto alle ultime prestazioni, seguita da Zenhea Takesha di Lia e da Harahel di Di Mauro. Fra le imbarcazioni più piccole continuava la sua sequenza di successi Buricchia Kammelasoru di Emaldi, seguito da Ghost di Giuffrida e Mizar di Gentile.
Fra i Gran Crociera la regata veniva annulata a causa del calo completo del vento che non permetteva il completamento del percorso all’interno del tempo massimo.
In classifica generale in Categoria Crociera/Regata, fra le imbarcazioni più grandi, mantiene il comando Vag 2 di Galassi, seguito da Zenhea Takesha di Lia e Flan O’B di Longo. Fra i piccoli netto dominio di Buricchia Kammelasoru di Emaldi che comanda la classifica a punteggio pieno, seguita da Mizar di Gentile e Ghost di Giuffrida.
Il campionato si concluderà domenica 13 Dicembre con una costiera Catania-Aci Trezza-Ognina-Catania che permetterà ai catanesi di assistere alla regata lungo le strade del lungomare. La stessa domenica si concluderà inoltre anche il primo Campionato Autunnale Optimist che si stà disputando in contemporanea con le prove del Campionato d’Altura.

VELA - DA GENOVA A TRAPANI LE TALL SHIPS IN REGATA


La GARIBALDI TALL SHIPS REGATTA 2010 stata presentata ufficialmente a Istanbul in occasione della International Sail Training & Tall Ships Conference 2009. Tra i presenti Matteo Bruzzo, Presidente di STA Italia, la delegazione di Genova e quella di Trapani guidata dall’on. avv.Girolamo Turano. Organizzata dalla Sail Training International (STI) in collaborazione con la Sail Training Association-Italia, la regata (Genova-Trapani, 11-16 aprile 2010) ha inoltre ottenuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’inserimento nel programma ufficiale delle celebrazioni per il 150° anniversario dell'Unità d’Italia.

giovedì 26 novembre 2009

VELA - CIMENTO INVERNALE 2 A DESENZANO

22 novembre - In una domenica cupa e umida, con tanto di nebbia e pioggerellina fine fine, si è svolta la 2^ prova del 19°Cimento Invernale, regata organizzata dalla Fraglia Vela Desenzano con l’intento di stimolare armatori ed equipaggi per un’estrema sfida fra le gelide acque del lago. Nonostante le condizioni difficili, grazie ad un leggero Ander, il Presidente di Giuria Paolo Egua, coadiuvato dagli esperti Vasco Tonelli, Piero Sorlini e Mario Pizzatti è riuscito a completare una prova per la grande soddisfazione di tutti. Bella vittoria nella Classe Dolphin 81 dello storico “Baraimbo Team” composto da Francesco Imperadori, Zeno Razzi e Roberto Assante (Fraglia Vela Desenzano) che con “Aldebaran” è passato davanti a Luca Belotti “Fantastica” e Bruno Fezzardi “30 Nodi”. Per i Protagonist primo posto di “Caipirinha” con Martin Reintjes, Marino Alberti e Harald Maier che hanno evitato i soliti tuffi pirotecnici e poco salubri. Secondo posto per “C’est Moi” di Rocco Fanello e terzo “Aquilotto” con Paolo Di Lecce, tutti della Fraglia Vela Desenzano.Nella Mista Crociera nuova vittoria di “Ileus IV” timonato da Alessandro Luzzati (FVDesenzano), secondo “Anita” di Giancarlo Marini, e terzo “ Quercia Univela” di Umberto Modena .Ottima prestazione per Renato Ongetta su “Milonda” (FVDesenzano), nella Classe Meteor che ha distanziato “Pilar” di Stefano Savoia e “Miseria Nera” di Pier Acquaviva .Nella speciale classifica della Scuola Vela vittoria di Aldo Cristadoro della FVDesenzano.Al termine ad attendere i regatanti infreddoliti, lo staff della Fraglia Vela Desenzano grazie anche alla collaborazione dell’instancabile Nicoletta, ha offerto pastasciutta, vino rosso, premi a sorteggio (BIMAR) e un invitante camino scoppiettante.

VELA - BMW MATCH RACE CUP A GENOVA


23 novembre - Si sono svolte sabato 21 e domenica 22 presso la storica sede genovese dello Yacht Club Italiano le regate della seconda e ultima BMW Match Race Cup della stagione 2009.Con vento sciroccale di 8 nodi e poca onda sabato saliti a 15 nodi con molta onda domenica, BMW Turbosport Imola capitanato da Jacopo Pasini ha vinto 9 match race su 9 qualificandosi per la finale mondiale della BMW Sailing Cup 2010, in programma dal 21 al 24 marzo 2009 ad Auckland, dove rappresenterà il nostro Paese. Alle sue spalle si sono classificati, nell’ordine, Petra Kliba (6 vittorie) al comando di un equipaggio interamente femminile, Szymon Muszyński (5 vittorie), Paolo Brescia (3 vittorie), Giorgio Bertone (3 vittorie), Andrea Mottola (2 vittorie), Domenico Campo (2 vittorie), Stefano Mammi. Gli equipaggi hanno regatato a bordo dei Beneteau First 7,5 a disposizione della BMW Match Race Academy. Roberto Ferrarese e Luigi Bertini, hanno preso parte all’evento rispettivamente in qualità di Principal Race Officer e Chief Umpire.La premiazione si è tenuta domenica pomeriggio, presso la Scuola di Mare “Beppe Croce” dello Yacht Club Italiano, alla presenza di Andrea Castronovo, Presidente e AD BMW Group Italia, che ha voluto complimentarsi con tutti i partecipanti e ha posato con l’equipaggio vincitore nelle foto ufficiali. Il team vincitore, che gode del sostegno della Concessionaria BMW Turbosport di Imola (Bologna), rappresenterà il nostro Paese in occasione della prossima BMW Sailing Cup World Final, la finale internazionale della competizione amatoriale organizzata e promossa dalla Casa di Monaco. Defender del titolo è proprio il team di casa, vincitore lo scorso aprile a Malcesine, sul lago di Garda, dopo una combattuta finale con l’equipaggio italiano di Matteo Simoncelli.

VELA - CAMPIONATO AUTUNNALE GOLFO DI PALERMO


22 Novembre - Domenica primaverile nel Golfo di Palermo per la terza giornata del Campionato Autunnale del CUS Palermo. La brezza si distende con un quarto d’ora di ritardo rispetto all’orario previsto di partenza, ma in maniera regolare in modo da fare sistemare ottimamente un bastone di un miglio. Al primo start brucia tutti Carlo Di Fede su Parsifal che imposta, libero da tutti, la sua veloce bolina. Appena dietro, Curaddau, Athanor e Alvarosky sono concentrati nel non sbagliare nulla essendo in gioco la vetta della classifica. Le quattro barche passano insieme la prima boa ma nel lato di poppa Curaddau sfrutta le sue più generose misure per allungarsi. Ha bisogno di mettere spazio tra sè e gli avversari per non perdere quando i tempi verranno compensati. Il vento resta uniforme sui due lati del percorso e andare da una parte o dall’altra non avvantaggia nessuno. Gli spazi tra le tre barche si allungano e Curaddau sarà prima sia in reale che compensato su Athanor e Alvarosky. Alle loro spalle ottima performance di Sthefanie, che nonostante una partenza anticipata che la costringe a perdere tempo nel rientro dall’estremo destro, recupera nei laschi, grazie all’attento lavoro del tailer Marco Pettinato, e si piazza alle spalle dei battistrada.La brezza rinforza e si riparte immediatamente. La flotta si dirige a destra sia nelle boline che nei laschi. Curaddau cerca in tutte le maniere di fare il vuoto dietro di sé, ma il resto della flotta è implacabile. Siculiana di Alvarosky non sbaglia niente e gli arriva abbastanza a ridosso per aggiudicarsi la prova. Subito dietro Athanor condotto da Massimo Russo. Immediatamente dopo Julies e Jim, timonato da Jimmi Brucato che sta acquistando, prova dopo prova, sempre più sensibilità al timone del suo First 34.7. La classifica generale si è accorciata sensibilmente. Dopo Curaddau e Athanor, si assesta al terzo posto Julies e Jim di Umberto Brucato. Quindi Stephanie del duo Candela-Mercadante. L’ultima giornata di gare di Domenica 13 Dicembre porterà sicuramente ad altri stravolgimenti in classifica, grazie anche all’utilizzo del secondo scarto. Nessuno è tranquillo nelle sue posizioni, tutto ancora può succedere.

mercoledì 25 novembre 2009

Presentazione del DVD "Le vele di Napoli - I ragazzi del rione Sanità e Mascalzone Latino"


Il prossimo 26 novembre, a Roma, presso la Sala Rai degli Arazzi di Viale Mazzini 14, si svolgerà, alle ore 11, la presentazione del DVD "LE VELE DI NAPOLI - I Ragazzi del Rione Sanità e Mascalzone Latino" realizzato dal Segretariato Sociale Rai in collaborazione con la rivista SoloVela, e la Scuola Vela di Mascalzone Latino.
Il DVD, che verrà distribuito gratuitamente attraverso il numero di dicembre della rivista SoloVela, racconta una storia di mare. In questo caso di tre giovani che hanno scelto il mare alla ricerca di una alternativa di vita. Lo hanno fatto grazie alla scuola di Vela di Mascalzone Latino e ad un corso di formazione organizzato dal Segretariato Sociale Rai con la collaborazione della Onlus L'altra Napoli. Ma soprattutto grazie al loro desiderio di non accettare una storia già scritta da altri. Il Segretariato Sociale Rai e SoloVela, con l'iniziativa Oltremare, vogliono ricordare come il mare e in particolare la vela, siano uno straordinario elemento di associazione, per mezzo del quale è possibile realizzare integrazioni che a volte, a terra, risultano essere impossibili, offrendo inoltre delle valide prospettive di lavoro.
Interverranno alla conferenza stampa il Presidente di Mascalzone Latino Vincenzo Onorato, il responsabile del Segretariato Sociale Carlo Romeo, il Direttore della rivista SoloVela Maurizio Anzillotti, il Presidente della Fondazione Vodafone Italia Antonio Bernardi, e i ragazzi napoletani che hanno partecipato al progetto.
La Fondazione Vodafone Italia, nata dalla volontà di Vodafone di creare una struttura autonoma completamente dedicata ad attività di servizio e di solidarietà sociale, si prefigge di svolgere un ruolo di sostegno in questo ambito promuovendo e finanziando progetti innovativi o rafforzando progetti esistenti gestiti da organizzazioni no profit.
Pertanto sensibile ai temi delle devianze sociali, la Fondazione Vodafone Italia sostiene il progetto della Scuola Vela di Mascalzone Latino, con l'obiettivo di contribuire fattivamente alla riduzione del disagio giovanile anche attraverso lo sport.
Di grande importanza nella realizzazione del progetto della scuola vela di Mascalzone Latino, la collaborazione istituzionale della Marina Militare, che ha messo a disposizione alcuni locali al Molosiglio (NA). Sempre sensibile alle iniziative volte ad aiutare le fasce sociali più svantaggiate, la scuola sorge proprio in prossimità del Centro Velico delle Forza Armate, a cui fanno capo per gli allenamenti molti giovani che parteciperanno alle prossime olimpiadi, portando le stellette della Marina.

Vela: Incontri Be1 Sails


Viareggio - Prende il via giovedì 26 novembre alle ore 21.15 presso la veleriaBe1 Eurosails di Capezzano Pianore la serie di incontri gratuiti e aperti atutti gli appassionati di vela organizzati dalla veleria viareggina di MarcoGiannoni e Franco Ciccarelli: “La nostra iniziativa è nata dalle richieste diamici incontrati sui campi di regata che desiderano approfondire le nozionidell’andar per mare in sicurezza. Cercheremo di spiegare come regolare le velee portare al meglio un’imbarcazione, con la speranza di contribuire a faruscire dai porti un numero maggiore di barche e di vedere alle regate (anchequelle meno competitive) un più elevato gruppo di partecipanti. I nostriincontri non vogliono e non saranno in alcun modo “commerciali” ma un piacevolemomento di confronto e di scambio di informazioni fra appassionati dello sportdella Vela per conoscere e comprendere le più moderne tecnologie utilizzate inregata o in crociera.”Argomento del primo incontro sarà “La regolazione della randa”.Appuntamento, quindi, dopodomani giovedì 26 in Via dei Carrozzieri, 5 –Località Bocchette (Zona Industriale di Capezzano Pianore – Camaiore, uscitaAutostrada: A12 Viareggio).Per ulteriori informazioni: BE1 Sails s.r.l.,telefono: 0584/969706,0584/969407, e-mail: eurosails@wmail.it, www.be1sails.it, contatto skype:eurosails .

VELA - GRANDE FESTA DI FINE STAGIONE PER LA CANOTTIERI GARDA


SALO' (Brescia) - La Canottieri Garda ha chiuso la sua stagione agonistica con il tradizionale raduno conviviale dei suoi soci al ristorante "Monastero" di Soiano del lago. Quella del 2009 è stata la 118a annata organizzativa (la prima del presidente Giorgio Bolla) e, come sempre, la società sportiva del Benaco ha raccolto significativi successi nelle tre discipline dove è presente con le sue squadre agonistiche. Da non dimenticare sono poi gli "eventi" promossi come il tradizionale Meeting Internazionale di nuoto nel centro natatorio Due Pini di Salò, il doppio Campionato tricolore di vela per le classi Dolphin e Protagonist, il circuito nazionale riservato alle classi Dinghy e Star. Tra gli autorità presenti all’incontro c’erano il sindaco di Salò Avvocato Barbara Botti, il suo vice Stefania Zambelli, il sindaco di Rezzato Enrico Danesi, Assessori Regionali, Provinciali i rappresentati federali del Coni. Nel settore del canottaggio, coordinato dai dirigenti Cesare Franchini e Attilio Maroni, dal tecnico Norberto Mondini e da Barbara Apollonio, si sono segnalati negli ultimi 12 mesi gli atleti Nicola Bortolotti, secondo al Festival dei Giovani a Corgeno e primo alla Coppa Primavera a Ravenna 720 allievi B maschile, primo ai Meeting di Milano e Monate; Andrea Bortolotti, secondo al Campionato Lombardo Doppio ragazzi maschile; primo alle regate di Mantova e Corgeno; Nicolo' Lain, secondo ai Campionati Lombardi Doppio ragazzi maschile, secondo alla regata regionale di Bardolino; Stefano Bertelli, primo alla regata di Lovere in doppio e sempre primo alla regata regionale di Bardolino. Per la vela gli skipper più titolati sono stati Paola Bergamaschi e Lavinia Tezza (classe 29Er), Giuseppe Righettini, Francesco Papa, Claudia Marzollo e Viola Zanotti (L’Equipe), tra le barche più grandi si segnalano le vittorie di classe alla 59° Centomiglia e l’assoluto alla “Trans Benaco Cruise Race 2009” di “Asso Evo” con Gianni Boventi al timone.

martedì 24 novembre 2009

VELA - Campionato Invernale Laser SB3 a Numana


Numana, 22 novembre 2009 - Previsioni meteo pienamente rispettate a Numana, dove il vento leggerissimo ha creato non poche difficoltà al Comitato di Regata del Campionato Invernale Laser SB3, obbligando gli Ufficiali di Gara ad annullare le manche in programma sabato e a ritardare lo svolgimento di quelle previste per la giornata di ieri.
Un'attesa ripagata dal materializzarsi di una brezza sui cinque-sei nodi che, con la sua instabilità, ha messo a dura prova il fiuto dei tattici, obbligati agli straordinari per anticipare le continue oscillazioni del debole vento di gradiente.
Aria comunque sufficiente per mandare in archivio altre due manche e a portare a cinque il totale delle regate svolte nell'ambito della manifestazione organizzate dallo Yacht Club Riviera del Conero. Ricordiamo infatti che anche il primo appuntamento con il Campionato Invernale si era dovuto confrontare con condizioni meteo avverse, caratterizzate nell'occasione da venti violenti e mare grosso.
Facendo di necessità virtù, la flotta, ridotta a undici unità a causa dell'influenza che ha decimato almeno cinque-sei equipaggi, si è data battaglia a tutto campo e ha individuato in Stenghele (1-2), tra le boe con un equipaggio inedito, il nuovo leader della classifica generale. Lo scafo di Pietro Negri - portato da Alvise-Tognella-Niccolini - che grazie al conteggio dello scarto si è liberato di un DNF, anticipa ora di quattro punti Coating Team (2-3) dell'armatore Luca Maitan e Mostrilla (3-1) di Luca Zuklic, mentre il leader della prima ora, Città di Numana (7-5), a bordo del quale era impegnato l'olimpionico Andrea Trani, ha perso terreno, scivolando dal primo al quarto posto.
Nulla è comunque deciso: le somme si tireranno all'inizio del 2010. L'ultima tappa dell'Invernale, che coinciderà con la prima della Volvo Cup, è in programma sempre a Numana tra il 6-7 marzo.
La speranza è che in quell'occasione il vento torni ad essere amico dell'evento almeno al pari del Comitato Organizzatore, che ha accolto gli equipaggi a braccia aperte e ha riservato loro un ricco programma di eventi conviviali.
Ricordiamo che il Campionato Invernale rappresenta un'importante tappa di avvicinamento alla stagione agonistica 2010 che vedrà il ritorno del Laser SB3 nel già citato circuito Volvo Cup (Numana 6-7 marzo e 24-25 aprile, Torbole 29-30 maggio). Appuntamenti clou della stagione saranno il Campionato Italiano di Torbole (25-27 giugno) e il Campionato Mondiale, in programma sempre nella cittadina gardesana tra il 18 e il 23 luglio.

Vela: Premiazioni, Sail Parade e soddisfazioni


Tempo di bilanci e di soddisfazioni per la XIV Zona Fiv: sabatoscorso, con una riuscitissima premiazione finale svoltasi presso l'HotelPiccola Vela di Desenzano si sono concluse con successo la terza edizione delCampionato del Garda di Vela d’Altura Orc – Coppa d’Oro XIV Zona e ilCampionato della classe Crociera del Garda.Ai vincitori del Circuito organizzato su nove prove per diffondereulteriormente il sistema Orc nell'ambito delle classi Altura (il J80 Jottoaffidato dallo YC Verona a Giorgio Zerbato, il Picco 25 Proteina di Caldogno-Scorrano timonato da Umberto Mazzola, il Modulo 63 Briscola di Roland Marrek el’Ufo od Baraimbo di Razzi-Imperadori), a quelli della Campionato del Garda(Bravissima Vibatex di Sandro Vinci, Carolina due di Giuseppe Girelli, Tango diDante Bubola e Pamela di Mario Epis) e ai classificati che hanno completato ilpodio sono state consegnate dal Conisgliere Federale Rodolfo Bergamaschi, dalPresidente di Zona Domenico Foschini e dal Vice Presidente Vincenzo Cinalli,oltre ai Trofei, anche numerosi riconoscimenti e omaggi offerti dalla Be1Eurosails, dalla Tes e dalla Elvstrom Italia.Archiviato il III Campionato del Garda di Vela d’Altura Orc – Coppa d’Oro XIVZona e la Gold Cup (otto appuntamenti organizzati dalla FV Riva) il CalendarioOrc Club 2009–2010 propone ora il III Campionato Invernale XIV Zona Orc Clubche prevede tre tappe itineranti (13 dicembre Regata di S.Lucia CV ToscolanoMaderno, 17 gennaio Cimento Invernale FVD, 7 febbraio Trofeo L’Istriana CNBardolino) scelte nell’ambito di altrettanti Campionati Invernali (Bardolino,Desenzano e Salò) e che saranno considerate regate di selezione per accederealla tappa finale (21 marzo, Trofeo Città di Sirmione, YC Sirmione e CN DiavoliRossi).Nella giornata seguente, presso la Fraglia Vela Peschiera si è invecedisputata la tradizionale SAIL PARADE, manifestazione di chiusura dell’attivitàagonistica della XIV Zona Fiv riservata a tutte le Classi Olimpiche, diinteresse federale (quali Optimist, Laser, 420, 29er e tutte le derive inseritenel piano Under 16 Fiv), Derive e Catamarani, ai numerosi appassionati delleclassi “senior“, alle giovani leve e a gli esordienti che hanno affrontato perla prima volta il clima festoso di un incontro zonale “Una Festa della Vela cheprosegue nella sua tradizione per un momento di aggregazione e positivoconfronto di fine stagione, per uno scambio di opinioni e fermento di idee eprogrammi nuovi e per la quale,tranne qualche rara eccezione giustificata, nonsi comprende dell'assenza di alcuni circoli.”

VELA - A VARAZZE IL CAMPIONATO DEL PONENTE


Varazze, 22 novembre – Cielo nuvoloso sulle 50 barche che hanno incrociato per quasi 4 ore a motore davanti a Varazze e Celle in attesa del vento, con previsioni di brezza da scirocco al mattino, quando invece c’è stata un po’ di tramontanina-ina-ina, e da libeccio nel pomeriggio.Alla mezza è in effetti stata data una partenza con brezza da scirocco, ma subito dopo il via dei Crociera-Regata è entrata aria da libeccio, che è poi “evaporata”. Un ora dopo è stato predisposto un nuovo percorso davanti a Celle, dove tirava brezza da maestrale, a sua volta sparita al momento di dare il via, quando è stato dato il “liberi tutti”. Anche senza regata, le classifiche si sono mosse perché sono state ricalcolate con i certificati di stazza degli ultimi iscritti arrivati nel frattempo (in realtà ne manca ancora uno). La prima classificata della prima prova Crociera-Regata è slittata in 19^ posizione, perché la trascrizione manuale della lunga serie di coefficienti di calcolo è risultata sbagliata ma il file uffciciale UVAI ha rimesso le cose a posto. E’ invece ancora sub judice la vittoria in tempo compensato di Keonda II, contestata da richiesta di riparazione da esaminare. Questi rilievi non hanno comunque conseguenze sulle classifiche generali dopo le prime due prove, dove in Crociera è in testa Abi di Marcolini, davanti a Betelgeuse di Ravarini e Melania di Bergamasco, mentre nei Diporto, Iaia II è a punteggio pieno, davanti a Obsession e Madame Demi Heure pari punti con Outsider.

VELA A FINALE LIGURE PER IL CAMPIONATO DELLE 2 ISOLE


22 novembre - A conferma di un capillare rispetto del programma, sono iniziate alle ore 11.00 le procedure di partenza per la prima delle regate in programma per la quarta tappa del Campionato Invernale delle 2 Isole nello specchi di mare antistante Finale Ligure.Condizioni meteo decisamente favorevoli consentivano la disputa di due bellissime prove alla trentina di equipaggi convenuti. Spiravano infatti tra i quindici ed i diciannove nodi di vento da Libeccio, che dimostrava qualche piccola instabilità di direzione al passaggio di veloci ed innocui groppi che non hanno però impedito di far capolino, anche a qualche apprezzato raggio di sole. Condizioni ideali anche in virtù di una temperatura autunnale assolutamente gradevole, hanno permesso ad alcuni equipaggi di dimostrare notevole carica agonistica, non sono infatti mancate lievi ed innocue collisioni in partenza ed avarie varie sulla boa di bolina. La prima prova cat. I.R.C. è stata vinta da “Gambalunga” dell’armatore Roberto Agosti mentre in O.R.C. aveva la meglio “X-Blu” di Emanuele Fazio. La seconda prova, a dimostrazione della validità degli equipaggi partecipanti, ha visto aggiudicarsi in entrambe le categorie I.R.C. e O.R.C. al primo posto “Brancaleone” di Ciro Casanova che ha centrato l’obiettivo dopo una lunga serie di secondi posti. Nelle categorie Gran Crocera, le due prove odierne sono state dominate da “Helsingor” di GioBatta Rollero, che nonostante avesse l’equipaggio rimaneggiato ha dimostrato di essere in buono stato di forma.Doppietta anche in Libera dove “GoGhiGo” di Gianfranco Frateggiani continua ad inanellare risultati positivi che gli consentono di chiudere la prima parte di Campionato saldamente in testa alla sua categoria. Nel rispetto del programma messo a punto dagli organizzatori, il Campionato riprenderà con l’appuntamento di Alassio sabato 20 e domenica 21 Febbraio 2010.

lunedì 23 novembre 2009

Vela - LA VITTORIA DI AZZURRA: I COMMENTI


Nizza (Francia) 22 novembre 2009. Alcune dichiarazioni dei protagonisti dello straordinario successo di Azzurra al Louis Vuitton Trophy di Nizza:SA L’Aga Kahn (Presidente dello Yacht Club Costa Smeralda): “Questa è una giornata indimenticabile per me, per mia figlia Zahra e per lo Yacht Club Costa Smeralda, soprattutto per lo spirito sportivo espresso. Su queste basi andiamo avanti e costruiamo un’altra bella pagina per lo sport”.Riccardo Bonadeo (Commodoro Yacht Club Costa Smeralda): “Questo successo mi ha emozionato profondamente. Tornare con Azzurra dopo 26 anni e pensare di vincere era un sogno ed il sogno si è realizzato. Questo è uno splendido regalo che l’equipaggio di Bruni ha fatto al Club, alla nostra Principessa che è stata sempre accanto a noi in questi giorni di regata, ma credo che sia anche un regalo a tutti gli italiani proprio per il suo carattere di esclusiva italianità. Da questo momento inizia il lavoro serio per dimostrare che non siamo una meteora, ma un gruppo compatto con un grande spirito. Questo è stato il segreto del successo di oggi e mi auguro lo sia anche per il futuro”.Giovanni Maspero (Responsabile Sportivo di Azzurra): “Devo ringraziare tutto l’equipaggio, quello in mare e quello a terra. Questi ragazzi, questi atleti, sono per me un quotidiano esempio di vita perché credono nei più sani ideali dello sport. Il successo di oggi è molto speciale, soprattutto perché aggiunge, alla già prestigiosa storia di Azzurra, un’altra pagina importante ed aver contribuito a questo mi riempie d’orgoglio”.
Francesco Bruni (Timoniere di Azzurra): “Sono immensamente felice ed ho il cuore che va a duemila. Mi sembra di aver vinto la Coppa America. Questo evento di Nizza non è la Coppa America ma ci va molto vicino perché, in questi giorni di regate tiratissime, abbiamo affrontato alcuni tra i migliori equipaggi del mondo. È un bel successo che porta onore alla vela italiana”.Tommaso Chieffi (Tattico di Azzurra): “Abbiamo disputato due regate combattutissime e siamo stati bravi ad affrontare ogni piccolo inconveniente che si è presentato. Queste regate si vincono nei dettagli. Questo evento Louis Vuitton è un ottimo modo di fare regate ad alto livello. In attesa che la situazione che riguarda la Coppa America sia più chiara, partecipare a questo tipo di regate è una buona base per mantenere i team in attività”. Cronaca delle regate. Match 1: Azzurra batte Emirates Team New Zealand di 26": Grande battaglia in partenza tra Azzurra e i kiwi. Entrambe le barche varcano la linea mure a dritta in prossimità della boa. I neozelandesi sono sopravento agli italiani e virano subito, portandosi verso la destra del campo. Vira anche Azzurra. Il vento salta a sinistra e l'equipaggio dello Yacht Club Costa Smeralda mette la prua avanti di una lunghezza. Il vantaggio si consolida e al primo incrocio, nonostante navighi mure a sinistra Azzurra sfila a prua dei kiwi e continua a navigare verso la destra, assicurandosi il diritto di rotta al prossimo incrocio. Il team italiano gestisce al meglio il margine accumulato e doppia la prima boa con 14" di vantaggio. Il vento è diminuito molto rapidamente: guidata da Tommaso Chieffi Azzurra estende la propria leadership ed è ora in testa di quattro lunghezze. Emirates Team New Zealand stramba e va verso la destra del campo, imitato da Azzurra che si mantiene tra l'avversario e la boa. Il vento rinforza e i kiwi, ricevendo per primi le raffiche più fresche, si avvicinano sensibilmente agli italiani che iniziano la seconda bolina con poco più di una lunghezza di vantaggio. Emirates Team New Zealand naviga sulla destra, sottovento ad Azzurra. I kiwi sfruttano una zona di maggior intensità del vento per azzerare il distacco ma quando sembrano prossimi a prendere la testa della regata la brezza si normalizza e l'equipaggio di Francesco Bruni torna ad allungare nuovamente il passo, iniziando l'ultima poppa con 23" di vantaggio sui kiwi. Tommaso Chieffi concede separazione ai kiwi, navigando verso la sinistra. Il tattico carrarino ha la situazione sotto controllo: la sua scelta si rivela azzeccata e Azzurra va a vincere con 25" di margine passando sull'1 a 0.Match 2: Azzurra batte Emirates Team New Zealand di 17": Il vento è girato a ovest e viene ora da 325°. I kiwi entrano nel box di partenza dalla destra e hanno diritto di rotta al primo incrocio. Dean Barker, che deve guidare i suoi alla vittoria se vuole rimanere in corsa per il successo, attacca e assume una posizione di controllo. Le barche partono su mura opposte: i kiwi hanno scelto la sinistra, Azzurra la destra. Al primo incrocio la barca italiana che ha diritto di rotta sfila a prua dei kiwi, proseguendo verso la sinistra. Emirates Team New Zealand è dietro di una lunghezza. Azzurra riesce ad allungare il passo "scappando" all'avversario da sottovento. Alla prima boa gli italiani hanno un vantaggio piuttosto rassicurante. Durante la poppa Bruni e Chieffi amministrano con sapienza il vantaggio e iniziano la seconda bolina in posizione di controllo, chiudendo ogni porta alla possibile rimonta a Emirates Team New Zealand. Alla seconda boa di bolina, Azzurra, con Gabriele Bruni in testa d'albero a studiare le raffiche, anticipa i kiwi di 18" e inizia l'ultima poppa navigando sulla destra. Tommaso Chieffi decide di portarsi a sinistra dove trova un salto di vento favorevole che lancia la barca italiana verso il punto decisivo. Azzurra taglia il traguardo con 17" di vantaggio sui kiwi, dominatori del Round Robin, e vince il Louis Vuitton Trophy.

Vela - AZZURRA TORNA E VINCE AL LOUIS VUITTON TROPHY DI NIZZA


Nizza (Francia) 22 novembre 2009. Azzurra, con Francesco Bruni al timone e Tommaso Chieffi alla tattica, ha vinto il Louis Vuitton Trophy di Nizza battendo, con un secco 2-0, i campioni più temuti di Emirates Team New Zealand.Ventisei anni fa, quando nacque il mito di Azzurra, SA L’Aga Khan dichiarò: “Affronteremo queste regate meravigliose e affascinanti con l’umiltà degli ultimi arrivati ma con la convinzione di essere degni di partecipare a questo evento”. Lo spirito è rimasto lo stesso: Azzurra è tornata alla grande vela sportiva con la convinzione di avere tutta la dignità di poter partecipare, con una struttura moderna ed estremamente professionale, a tutti gli eventi di sport più importanti del mondo. L’esordio di Nizza, in un palcoscenico del professionismo velico di massimo livello, voluto dalla Principessa Zahra Aga Khan (Presidente del Consiglio Direttivo dello Yacht Club Costa Smeralda), da Riccardo Bonadeo (Commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda) e da Giovanni Maspero (attivo con il suo JoeFly già da quasi dieci anni) ha confermato che la strada è quella giusta: il movimento velico italiano può vincere contando solo su sé stesso ed Azzurra è il nome giusto.Protagonisti di questo successo tutto italiano sono stati: il timoniere Francesco Bruni, che ha confermato una maturità conquistata in altri team di Coppa America (Luna Rossa); Tommaso Chieffi che ha dipinto in questi giorni boline eccelse, apportando quell'elemento di razionalità indispensabile per vincere a questi livelli; Stefano Rizzi alle scotte, coadiuvato dal più giovane Pierluigi de Felice; Dede De Luca alla randa; a prua Matteo Auguadro; lo stratega Gabriele Bruni; il navigatore Bruno Zirilli; i grinder di esperienza come Massimo Galli, Piero Romeo, Nicola Pilastro e Francesco Scalici; all'albero Luca Albarelli e Pietro Mantovani e alle drizze Cristian Griggio assistito da Michele Cannoni. A terra Alessandra Sensini che, con i suoi ori olimpici, è l'unica velista italiana che ha dimostrato sul campo di saper vincere davvero, ed adesso sta dimostrando di essere anche una bravissima manager. Infine il coach Gabrio Zandonà, che ha messo con umiltà il suo talento a disposizione della squadra.

VELA - Il Campionato Autunnale CN Santa Margherita fermo per mancanza di vento


Nulla di fatto oggi a Porto santa Margherita.Le imbarcazioni partecipanti al Campionato Autunnale del CNSM sono rimaste ferme nella bonaccia, come previsto dal servizio Meteo Sport, che collabora con il CNSM fornendo previsioni meteo ad hoc per l’area di regata. L’appuntamento per i regatanti è quindi rinviato a sabato 28 novembre in cui, come da bando, verranno corsi i recuperi. La manifestazione si concluderà domenica 29 novembre con le premiazioni presso la Club House del CNSM, al termine delle regate. Nell’occasione verranno premiati anche i partecipanti alla Coppa delle Due Lagune e sarà assegnato il Trofeo Challenge Panathlon al circolo velico i cui soci avranno ottenuto i migliori risultati sul campo.

domenica 22 novembre 2009

AZZURRA CONTRO EMIRATES TEAM NEW ZEALAND RIMANDATA


Nizza (Francia) 21 novembre 2009. – ore 15:00 – Condizioni di vento leggerissimo a Nizza per il Louis Vuitton Trophy hanno permesso lo svolgimento solo della regata per l’assegnazione del terzo e quarto posto dove i sorprendenti russi di Synergy (Jablonsky) hanno battuto gli inglesi di TeamOrigin.La prima regata della finale tra Azzurra e Emirates Team New Zealand è quindi rimandata a domani mattina. Il Trofeo verrà assegnato al meglio delle tre regate.
Azzurra al Louis Vuitton Trophy a Nizza.
(Foto Stefano Gattini/Azzurra)
Per ulteriori informazioni contattare l'ufficio stampa o visitare
www.azzurra.it www.louisvuittontrophy.com .

VELA - Campionato Invernale d'Ancona: Nebbia e poco vento


Necessitano assolutamente altre prove a questo campionato....Purtroppo il meteo domani non sarà dalla nostra e la giuria dovrà cercare di recuperare una giornata persa nel migliore dei modi.
Start alle ore 10.30, speriamo che ci sia almeno la visibilità per evitare qualche scontro....e il vento sufficiente per rischiare qualche scontro....
A domani, classifiche su
www.sefstamura.it

VELA - La seconda giornata del Campionato Autunnale Circolo Nautico Santa Margherita


Sabato 21 novembre i partecipanti al Campionato Autunnale del CNSM, organizzato in collaborazione con Marina 4, Darsena dell’Orologio e Prosecco Serre, hanno beneficiato di un inaspettato vento da sud-ovest, intorno ai 5 nodi, che ha permesso la partenza della regata.
La kermesse di Porto Santa Margherita, con 52 imbarcazioni partecipanti, fa parte per il terzo anno della Coppa delle due Lagune, patrocinata da Panathlon e sponsorizzata da Harken, per la cui classifica corrono una ventina di imbarcazioni friulane e venete.
La vittoria di giornata in IRC A, classe 1, è andata a Città di Grisolera, Felci 45 dell’armatore Franco Daniele, con al timone Cesare Bressan reduce da una entusiasmante stagione nel circuito GP42 con Airis Team.
Seconda piazza per il G.S. 46 Oscar+ del padovano Aldo Parisotto e terzo posto il Millenium 40 Luna per Te dello Sporting Club Duevele, con alla tattica e supervisiore Dario Malgarise, già navigatore di Luna Rossa per due campagne di Coppa America, che torna a Porto Santa Margherita dopo una lunga assenza.
“Ho passato la mia gioventù a Porto Santa Margherita, dove ho mosso i primi passi con le derive” ci racconta Malgarise “Sono stato il primo allenatore della squadra agonistica CNSM e torno in queste acque dopo un’assenza di quindici anni. Mi ha fatto piacere ritrovare vecchie facce, come l’amico Cesare Bressan, tante cose cambiate e un ambiente marino che conosco nei minimi dettagli, anche se non ricordavo una corrente così forte.”
In classe 2, ottima performance del Bonin 31 Volare del padovano Claudio Gambillare, seguito a breve distanza dal J109 Sagola di Massimo Minozzi e dallo scafo sloveno Anteros 36, progettato da Andrej Justin con equipaggio composto da vari giovani talenti triestini provenienti dalle derive.
Nel blocco B, con imbarcazioni più piccole, continua la stagione positiva di First of All di Manuel De Faveri, seguito da 10x10 di Sandro Fabbro e da Alma di Ivano Zaia.
La classifica del Gruppo Minialtura parla tutta CNSM, in testa El Moro di Graziano Manfrè, seguito da Vizio di Sandro Ravenna e da Playlife Tremenda di Giovanni Grinovero.
Tra i Meteor prima posizione per Panita di Docmare, mentre Andromeda con al timone Marco Collinetti primeggia nei Sonar.

VELA - AZZURRA BATTE GLI INGLESI E VA IN FINALE

Nizza (Francia) 21 novembre 2009. ore 12:00 - Azzurra, battendo gli inglesi di TeamOrigin per 29’, conquista la finale del Louis Vuitton Trophy di Nizza. Per Azzurra e tutta la vela italiana è un risultato dall'enorme peso specifico e la conferma della solidità di un team dalle enormi potenzialità, della maturità raggiunta dal suo timoniere Francesco Bruni, dell'esperienza del suo tattico Tommaso Chieffi e della capacità dell'intero equipaggio. Battere TeamOrigin vuol dire aver superato Ben Ainslie, considerato il miglior velista al mondo con tre ori e un argento olimpico, con il suo tattico Iain Percy, due ori olimpici anche per lui. Grande soddisfazione da parte di tutti coloro che hanno progettato questa rinascita sportiva di un’icona dello sport italiano, da Giovanni Maspero, anima del team sportivo, a Riccardo Bonadeo, Commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda, alla team manager Alessandra Sensini, per un risultato che conta davvero nel panorama internazionale di questo sport e che porta onore a tutto il movimento velico italiano.Cronaca della regata: In partenza 7-8 nodi di vento da Nord con Azzurra sulla sinistra del campo di regata e Team Origin sulla destra, sopravento al team italiano. Al primo incrocio le due barche sono molto vicine: Azzurra, mure a sinistra, non riesce a sfilare davanti alla prua dei britannici, ma virando sottovento all'avversario difende la sinistra del campo. Dopo una serie di virate, Team Origin prova a resistere sopravento ad Azzurra nella speranza di raggiungere la layline di sinistra. Francesco Bruni obbliga Ben Ainslie in una posizione di stallo. Azzurra riparte con un'accelerazione bruciante e doppia la boa di bolina con un vantaggio di 18". Nel corso della prima poppa Tommaso Chieffi decide di navigare sulla sinistra, lasciando a TeamOrigin ampia separazione: una mossa azzeccata, che permette ad Azzurra di raddoppiare il vantaggio. Durante la seconda bolina Azzurra consolida il suo vantaggio e inizia l'ultima poppa delle semifinali con un margine rassicurante. Va a vincere con un vantaggio di 29''.Nell'altra semifinale Emirates Team New Zealand ha battuto Synergy per 4', grazie a una penalità decisiva alla fine della prima bolina (sopravvento/sottovento con i russi troppo vicini e non abbastanza discosti). La finale del Louis Vuitton Trophy Nice Cote d'Azur è quindi tra Azzurra ed Emirates Team New Zealand.

sabato 21 novembre 2009

VELA - AZZURRA SCONFITTA DAGLI INGLESI


Nizza (Francia) 20 novembre 2009. Nel primo pomeriggio di oggi è stata disputata con vento sui 15-18 nodi la seconda regata delle tre previste per la conquista della finale del Louis Vuitton Trophy di Nizza. Purtroppo regata da dimenticare per l’equipaggio di Azzurra che, già nelle fasi precedenti la partenza, è stato messo in difficoltà dall’avversario inglese. Ben Ainslie ha infatti scelto una tattica decisamente aggressiva ed ha costretto Francesco Bruni, nelle fasi del pre-start, ad una doppia penalità e a partire fuori dall’allineamento. Effettuate le penalità Azzurra è ripartita ma, dopo pochi minuti di regata, aveva già collezionato uno svantaggio di circa duecentocinquanta metri. Senza demoralizzarsi, l’equipaggio italiano ha tentato il possibile per rientrare in gioco, ma durante l’ultimo lato di poppa ha anche danneggiato lo spinnaker ed è risultato evidente che la prova era persa definitivamente. Gli inglesi conquistano così il punto del pareggio con 2'29" di vantaggio su Azzurra. Il confronto tra italiani e inglesi si deciderà quindi al termine del terzo match in programma domani mattina. Commento di Francesco Bruni (Timoniere di Azzurra): “Abbiamo commesso tanti errori negli ultimi due minuti prima della partenza. Con avversari simili ogni errore lo paghi carissimo. Siamo ancora in gioco ed è importante archiviare subito questa prova deludente e trovare la concentrazione giusta per domani che sarà veramente determinate”. Giornata dalle alterne vicende anche per gli altri concorrenti del Louis Vuitton Trophy. Nell’altra semifinale, tra Emirates Team New Zealand e Synergy, rocambolesco finale vinto dai neozelandesi grazie ad un errore dei russi proprio sulla linea del traguardo. Nel terzo match, ancora con kiwi contro russi, regata combattutissima e risultato affidato alla Giuria, che deciderà in serata, per una protesta di ETNZ. Definitiva la classifica dalla quinta all’ottava piazza dopo le regate disputate quest’oggi: 5° All4One (Sebastian Col), 6° BMW Oracle (Gavin Brady), 7° Artemis (Paul Cayard) e 8° PagesJaunes (Bertrand Pace).

VELA - TORNA DOMANI L'INVERNALE LASER SB3


Numana, 20 novembre 2009 - Saranno una quindicina gli equipaggi che, tra domani e domenica, prenderanno parte al secondo appuntamento con il Campionato Invernale Laser SB3 di Numana, manifestazione che gode del patrocinio del Comune di Numana.
A distanza di quasi un mese dal primo week end di regate, lo Yacht Club Riviera del Conero ha rinnovato il rapporto di collaborazione con il Circolo Nautico Numana e la Cooperativa degli Ormeggiatori della cittadina marchigiana ed è pronto ad accogliere i protagonisti di quella che si annuncia come una due giorni molto impegnativa per i tattici. I bollettini meteo, infatti, parlano di vento leggero di direzione variabile per entrambe le giornate.
Il programma della manifestazione prevede lo svolgimento di sei regate, con partenza fissata per le ore 13.00 di domani e per le 10.30 di domenica mattina.
Le barche verranno armate presso il piazzale dello Yacht Club Riviera del Conero e saranno ospitate presso le banchine del Circolo Nautico Numane e della Cooperativa degli Ormeggiatori.
Il Campionato Invernale rappresenta un'importante tappa di avvicinamento alla stagione agonistica 2010 che vedrà il ritorno del Laser SB3 nell'ambito della Volvo Cup (Numana 6-7 marzo e 24-25 aprile, Torbole 29-30 maggio). Appuntamenti clou della stagione saranno il Campionato Italiano di Torbole (25-27 giugno) e il Campionato Mondiale, in programma sempre nella cittadina gardesana tra il 18 e il 23 luglio.

venerdì 20 novembre 2009

Solitari Italiani MINI 6,50 - Giancarlo Pedote diventa il N° 2 della Ranking Mondiale 2009


"E' del 6 novembre l'aggiornamento del Ranking 2009 pubblicato sul sito ufficiale della Classe Mini. Da questo link è possibile collegarsi alla pagina del Ranking 2009. Giancarlo è al secondo posto della classifica dei Serie, su un totale di 213 skipper che hanno preso parte ad una gara ufficiale del calendario Mini, che per quest'anno è chiuso. Dopo le fatiche della Transat 6,50, Prysmian ITA 626 ha riposato al porto di Salvador de Bahia, sistemata con l'albero smontato, pronta per essere caricata sul cargo a metà mese. Questa mattina Prysmian ITA 626 è stata alata nel porto commerciale e messa sull'invaso dove è stata pulita dalle alghe da Giancarlo e Marco Turra, che era ad accoglierlo al suo arrivo il 24 ottobre. Nel frattempo, Giancarlo ha trascorso qualche giorno a Itacarè, un piccolo villaggio di pescatori immerso nel verde, siatuato a 400 km a sud di Salvador. Durante questi giorni si è dedicato al surf da onda, uno sport che desiderava provare da tempo, ma non aveva mai avuto l'occasione di praticare.
Nel contempo ha fatto amicizia con alcune persone del luogo, che vanno ad arricchire i ricordi ed allargare il cuore di Giancarlo. Gli ultimi giorni a Bahia li trascorrerà assieme al suo amico Marco ed al pittore maya Antun, conosciuto con Marco a San Cristobal de las Casas in Messico, anni fa.
Il 18 novembre Giancarlo rientrerà in Italia, atterrando a Milano."
I suoi pensieri sono già rivolti alla campagna del 2010, per la quale è pronto a vagliare diverse opportunità.

AZZURRA VINCE LA PRIMA REGATA DELLE SEMIFINALI


Nizza (Francia) 19 novembre 2009. Nella prima giornata delle semifinali del Louis Vuitton Trophy di Nizza, successo di Azzurra sugli inglesi di TeamOrigin che possono vantare ben 6 medaglie d’oro olimpiche in pozzetto (3 Ben Ainslie, 2 di Ian Percy e una di Andrew Simpson). Punto importantissimo per l’equipaggio italiano, considerando che la finale si conquista al meglio delle tre regate. Commento di Francesco Bruni (Timoniere di Azzurra): “Oggi siamo stati impeccabili, sia nelle scelte tattiche che nelle manovre. È solo la prima regata e i giochi restano aperti ma io sono comunque molto felice di quello che stiamo facendo e mi godo al massimo questo momento”.Cronaca della 1° regata delle semifinali Azzurra contro TeamOrigin: Bruni riesce a fare un’ottima partenza conquistando la destra del campo di regata. Gli inglesi, obbligati alla sinistra virano cercando di prendere anche loro il lato destro. Azzurra resiste e ottiene un paio di lunghezze di vantaggio durante il primo lato. Sfruttando un salto di vento a sinistra, in prossimità della boa di bolina TeamOrigin minimizza il distacco e vira a soli 9 secondi dalla barca dello Yacht Club Costa Smeralda. La prima poppa non porta sostanziali novità: Azzurra allunga leggermente il passo e inizia la seconda bolina sulla destra del campo di regata con quattro lunghezze di vantaggio. Nel corso della seconda bolina, giocando sui salti di vento, Azzurra fa il vuoto alle spalle: alla seconda boa al vento gli italiani hanno 1'16" secondi di vantaggio sul team di Ben Ainslie e Iain Percy. Nonostante diverse strambate, TeamOrigin non riesce ad avvicinare Azzurra che si porta sull'uno a zero vincendo la regata con un margine di 1'34".Purtroppo nella mattina, dopo la regata di Azzurra, il vento è andato calando a tal punto da rendere impossibile concludere il programma della giornata che slitta a domani. Restano da disputare il primo match Emirates Team New Zealand contro Synergy e quelli tra i team classificati dalla quinta all'ottava posizione nei Round Robin: BMW Oracle Racing contro TFS Pages Jaunes e All4One contro Artemis.

VELA - CAMPIONATO VIII ZONA MATCH RACING UNDER 16


Si sono svolte nel fine settimana nello “Stadio del Vento” nel porto medio di Brindisi le regate del Campionato VIII Zona Match Racing Under 16, che ha impegnato 40 giovani atleti di sette circoli velici pugliesi suddivisi in 10 equipaggi. I flight in acqua sono stati integrati da un una full-immersion di regolamenti con l’istruttore Michele Ricci. Le classi di età erano quelle comprese tra il 1993 ed il 1995 per i timonieri (14 anni compiuti), dal 1993 al 1997 per il resto dell’equipaggio. I primi tre equipaggi qualificati saranno premiati nel corso del V Gala della Vela in programma a Taranto. Condizioni meteo buone per tutte e due le giornate, mentre lo “Stadio del Vento” si dimostra molto adatto anche alle attività veliche giovanili e alle attività di formazione per le particolari condizioni logistiche e di sicurezza, oltre che per la possibilità che offre di seguire da terra e da distanza ravvicinata le regata, cosa utilissima per l’apprendimento e lo studio delle tattiche.Questa volta le regate si sono disputate non sui J22 della flottiglia match racing del Circolo della Vela Brindisi, ma su due Sun 2000 messi a disposizione sempre dal CV Brindisi, imbarcazione più adatta a chi per la prima volta –come nel caso di questo campionato Under 16 pugliese- è passato dai circuiti nazionali Optimist ad una nuova specialità della vela. Il campionato dello scorso fine settimana nasce da una idea del presidente dell’VIII Zona Fiv, Raffaele Ricci, e si collega ad un progetto della Federvela nazionale “Linea guida per la formazione dei giovani Under 16”. Nell’iniziativa dell’VIII Zona Fiv è previsto anche il progetto di un Centro under 16 a Brindisi per il match racing, mentre per quanto riguarda la stessa specialità, nell’ottica delle Olimpiadi di Londra 2012, l’ipotesi è quella di due centri invernali di allenamento a Brindisi e Scarlino (Grosseto), ed uno estivo in Trentino, sul Lago di Ledro.

VELA - A SAVONA L’AUDI MELGES 20 WINTER TUNE-UP


17 novembre - Si è svolto questo week-end a Savona il primo appuntamento dell'Audi Melges 20 Winter Tune-Up in collaborazione con l’Assonautica Savonese. L'evento era finalizzato alla preparazione invernale in vista della stagione 2010. Un'occasione, quindi, per fare il punto della situazione sulla preparazione agonistica degli equipaggi, ma anche per ottimizzare l'assetto e le prestazioni delleimbarcazioni. Con una serie di speed-test, effettuati sotto la supervisione tecnica di North Sails Italia, gli equipaggi hanno potuto ottimizzare la regolazione delle vele nelle più diverse condizioni.Anche se durante il primo giorno di allenamento il vento si è fatto attendere, Savona si è dimostrato un ottimo campo di regata da sfruttare per la preparazione invernale. La classica Tramontana ha soffiato in entrambi i giorni, offrendo condizioni di vento medio-leggere.L'Audi Melges 20 Winter Tune-Up di Savona proseguirà con il week-end del 28-29 novembre e si concluderà con quello del 12-13 dicembre. La domenica di quest'ultimo fine settimana sarà dedicata alla 28a Regata di Natale organizzata dalla LNI Savona per le classi di altura, evento che chiuderà il periodo di preparazione invernale.

giovedì 19 novembre 2009

VELA - Lavinia Tezza e Paola Bergamaschi nella squadra nazionale 29er


Con grande piacere ed una punta di orgoglio, comunichiamo che le nostre dame, Lavinia Tezza e Paola Bergamaschi, sono state convocate ufficialmente dalla FIV nella squadra nazionale 29er, insieme ad altri tre equipaggi.La squadra nazionale 29er a sua volta fa parte del "Team Youth Under 19", ossia della nazionale under 19 - si tratta dei 26 migliori equipaggi di tutta Italia, di età compresa tra i 16 ed i 19 anni, distribuiti nelle classi di interesse federale: i doppi "420" e "29er", la tavola a vela "RS:X", il singolo "Laser Radial", il cat "Hobie Cat". Della XIV Zona, Lavinia e Paola rappresentano uno dei tre equipaggi convocati.L'ingresso nella nazionale implica un incremento di impegno per le nostre convocate; si tratta infatti di partecipare a 5 raduni tra novembre e marzo, ciascuno della durata di 4 giorni, durante i quali gli atleti seguiranno il programma stabilito dai tecnici federali: allenamento in acqua e preparazione atletica in palestra.Il primo raduno si svolgerà dal 19 al 22 novembre a Gaeta, ove gli atleti saranno ospitati presso la locale Sezione Vela della Guardia di Finanza.Questo il motivo per cui Lavinia e Paola saranno assenti giustificate alla cena sociale di sabato 21. Certi che l'ingresso in nazionale darà loro ulteriori motivazioni ed una carica in più, non possiamo non augurare ad entrambe "vento in buona" per questa nuova avventura!

VELA: DUE SETTIMANE AL VIA DELLA 20a IMPERIA WINTER REGATTA


Imperia, 18 novembre 2009 – Mancano solo due settimane dal via della 20a edizione dell’Imperia Winter Regatta, la manifestazione organizzata dallo Yacht Club Imperia dal 3 all’8 dicembre prossimi.
A tutt’oggi sono già oltre 200 gli equipaggi iscritti in rappresentanza di 25 nazioni: Austria, Belgio, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Lituania, Monaco, Norvegia, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, San Marino, Singapore, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ucraina, Ungheria. Si prevede che il numero di iscrizioni arriverà a 300 e oltre confermando la tendenza degli ultimi anni che ha definitivamente eletto IWR quale appuntamento “classico” d’inizio inverno in Mediterraneo.
Imperia e il suo campo di regata si confermano anche come sede ideale per gli allenamenti non solo in vista di IWR: il team norvegese è già arrivato per prepararsi nelle splendide condizioni meteo liguri.
Anche quest’anno gareggeranno le classi Laser (maschile e femminile) e Laser Radial, 420 (open e femminile), 470 (maschile e femminile), 29er, L’Equipe, con l’aggiunta della classe Byte CII (maschile e femminile) la deriva singolo che verrà utilizzato nel 2010 per le Olimpiadi Giovanili – Youth Olympic Games (velisti nati negli anni 1994 e 1995 e di peso non superiore a 75kg). In occasione di IWR la classe Byte CII disputerà il Campionato Europeo di classe, regata valida anche come selezione per la gara di Singapore in programma la prossima estate.
Grande soddisfazione hanno espresso i responsabili dello Y.C. Imperia, il presidente Riccardo Guatelli e l’event manager Luigi Rognoni che come tutti i collaboratori della manifestazione stanno lavorando alacremente per la buona riuscita di IWR 2009. Come sempre IWR rappresenta non solo un momento agonistico per la vela giovanile, ma anche un momento importante per tutto il capoluogo del ponente ligure.

VELA A ROMA D’INVERNO – TROFEO PAOLO VENANZANGELI


15 novembre - A Riva di Traiano, la flotta di 74 barche partecipanti è scesa in acqua, riuscendo a disputare una bella prima e impegnativa prova del XX Campionato Invernale, con un bel vento sui 15/20 nodi. Splendida prova, su percorso a bastone lungo 9,2 miglia, con il Comitato di Regata, presieduto da Fabio Barrasso, che ha dato regolamente la partenza alle ore 11.Er Cavaliere Nero, il First 45 di Paolo Morville, ha ricominciato subito la stagione invernale 2009/2010 con un successo, lasciando intendere che vuole difendere a denti stretti il titolo conquistato l’anno scorso sullo stesso campo di regata. Alle sue spalle si è piazzato Libertine, il Comet 45S di Marco Paolucci, terzo Ars Una, l’Adria 49 di Vittorio Biscarini.Soddisfazione doppia per Paolo Morville, l’armatore di Er Cavaliere Nero, che in questa prima prova ha vinto le due classifiche, sia ORC che IRC. La classifica ORC vede al secondo posto Ars Una, mentre terzo è Libertine.Nella categoria Gran Crociera vittoria per Twins, Hanse 430 di Francesco Sette, seguito da Mamiblu, Grand Soleil 43 di Gennaro Tozzi e da Charo, Dufour 365 di Pepponi/Gemini.Nella categoria Crociera primo in classifica Igarapè, Sun Odyssey 43 di Marino Zigrossi, secondo Antico Toscano, Grand Soleil 40 di Muraro e terzo Don Pedro, Bavaria 34 di Francesco Pelaia.

Vela - CAMPIONATO AUTUNNALE DERIVE: 4a GIORNATA


15 novembre - Sul campo di regata di Vado Lgure per oggi condizioni difficili per la giornata 4 del CAD 09 ma affrontate con decisione dal comitato di regata (Roberto Goinavi presidente) che ha dato puntualmente il via alla prima prova malgrado il tempo umidissimo e con raffiche di tramontana scura registrate a 7.5 m/sec. Anche la seconda prova prevista è poi partita regolarmente sfidando qualche piovasco. Belle regate e buona preparazione dei giovani equipaggi partecipanti (solo poche le capriole fuori programma !). Ha vinto confermando i recenti progressi Alida Amato del WIND di Vado su Laser radial, che ha dimostrato una convincente regolarità finendo davanti al datato Laser standard di Pierluigi Feltri (WIND), allo Snipe dei Delbecchi (padre e figlio) anche loro del WIND ed al Laser radial di Ottonello della LNI di Albissola. In definitiva la manifestazione del CNV WIND in aperta sfida al periodo autunnale ha avuto un ottimo successo malgrado l'annullamento della giornata 3 per manifeste condizioni climatiche impossibili. Il campo di regata di Vado Ligure ha dimostrato la sua proverbiale validità ed ora rinvia i prossimi appuntamenti alla prossima stagione.